Giustizia: sommossa eletti M5S contro ministri, 'all'oscuro del cambio di rotta'/Adnkronos (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E mentre sul nuovo blog il Movimento prova a "fare chiarezza" sul tema della prescrizione, attribuendosi il merito di aver salvato una riforma "che gli altri partiti avrebbero voluto cancellare del tutto, con un colpo di penna", sui social parte il fuoco di fila dei parlamentari 'contiani'. "Se non conti nulla meglio stare fuori" dall'esecutivo, attacca l'ex sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi, fedelissimo di Bonafede.

Per Giulia Sarti "non ci sono più le condizioni per restare nel governo Draghi": "Continuerò a fare le barricate in Parlamento perché ora gli emendamenti della ministra Cartabia, compreso quello sulla prescrizione, verranno depositati in Commissione Giustizia alla Camera e di certo, si capirà la differenza tra chi difende valori e i principi del M5S e chi invece accetta supinamente in nome del falso senso di responsabilità, tutto quello che viene propinato", promette la parlamentare riminese.

Il senatore Gianluca Perilli parla senza mezzi termini di "ferita" e di "sconfitta politica per tutti": "Noi parlamentari avremo il diritto e dovere di discutere liberamente la proposta uscita ieri dal Cdm e che arriverà sotto forma di emendamenti del governo. All'esito dei risultati ottenuti -aggiunge l'ex capogruppo M5S a Palazzo Madama- dovremo inevitabilmente trarre le relative conclusioni con onestà e coraggio". (di Ileana Sciarra e Antonio Atte)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli