Giustizia, Zaia: all'Europa giù le mani dall' ergastolo

Bnz

Venezia, 9 ott. (askanews) - "Di fronte a un'Europa invasiva, secondo la quale non si può più applicare l'ergastolo ai criminali e ai mafiosi, dico all'Europa che limiti la sua giurisdizione, la limiti ai confini dell'Italia, almeno in questo ambito. Di fronte all'assurdità di tale pronunciamento, il primo pensiero va alle tante vittime degli ergastolani, cittadini e servitori dello Stato assassinati dove lo Stato non è riuscito a imporsi: penso ai Giudici Falcone e Borsellino, a Rosario Livatino, a Ninni Cassarà, a Don Puglisi, ai tanti uomini e donne delle Forze dell'Ordine assassinati, ai bambini che, come il piccolo Giuseppe Di Matteo, non sono stati risparmiati dalla brutalità che, secondo questo pronunciamento, non meriterebbe l'ergastolo".

E' questa la reazione del Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, all'intervento della Corte di Giustizia Europea in materia di ergastolo in Italia.

(Segue)