Glaucoma nemico silenziso che "ruba" la vista -2-

Cro-Mpd

Roma, 9 mar. (askanews) - "L'AISG - ricorda Stefano Miglior, presidente AISG - è la prima e più antica Società Scientifica in Italia e fra le prime a essere state fondate in Europa, dedicata allo Studio del Glaucoma ed alla disseminazione delle più innovative e rilevanti novità sulla diagnosi e cura del glaucoma e sulla sua patogenesi. E' la sezione italiana dell'European Glaucoma Society". Ma quali sono le nuove armi nella terapia medica del glaucoma? "A tutt'oggi nuove armi nella terapia medica del glaucoma non sono ancora state introdotte in Italia", riferisce Stefano Miglior, "abbiamo a disposizione una significativa batteria di molecole che, in mono-terapia o terapia combinata, permettono di gestire un numero elevato di pazienti. Ricordiamo i derivati delle prostaglandine, i beta-bloccanti, gli alfa-stimolanti, gli inibitori dell'anidrasi carbonica, tutti utilizzabili sotto forma di collirio. All'orizzonte sono in arrivo due classi di molecole, gli inibitori delle Rho -Kinasi e l'ossido nitrico. La prima permetterebbe di ottenere una riduzione della pressione oculare nell'ordine del 25% rispetto ai valori basali, facilitando il deflusso dell'umore acqueo e possibilmente riducendo la pressione delle vene episclerali. Verrà proposto sia in mono-terapia che in associazione con il Latanoprost (derivato delle prostaglandine) al fine di ottenere un significativo effetto additivo fra le due molecole. La seconda permetterebbe di ottenere una riduzione della pressione oculare grazie alla diretta attivazione del deflusso trabecolare, ma a tutt'oggi non sembra che verrà sviluppata come mono-terapia. Verosimilmente queste due nuove possibilità terapeutiche verranno introdotte in Italia per la fine di quest'anno o per l'anno prossimo, ma è corretto e prudente non dare indicazioni precise date le note difficoltà di ordine registrativo per i nuovi farmaci".

(Segue)