Glaucoma nemico silenziso che "ruba" la vista -3-

Cro-Mpd

Roma, 9 mar. (askanews) - Per quanto riguarda la diagnosi precoce, "le metodiche diagnostiche del Glaucoma sono sempre non invasive. La diagnosi o il sospetto diagnostico - spiega il professore - si basa sempre sulla valutazione clinica oftalmologica da parte dell'oculista e si fonderà sull'osservazione dello stato della Papilla Ottica durante una normale visita oculistica, sul risultato dell'esame del Campo Visivo e sulla misurazione della pressione oculare. La diagnosi precoce dipende dai seguenti fattori: 1. l'individuo sano (fino a questo momento non ancora definibile come paziente) deve farsi visitare dall'oculista con una cadenza almeno bi-annuale una volta superati i 40 anni (e' una soglia arbitraria, ma almeno fa riferimento al momento in cui l'intera popolazione comincia ad avere problemi di presbiopia o difficolta' alla lettura ravvicinata). 2. Nel caso in cui il clinico dovesse osservare una papilla ottica "sospetta" con possibili segni di danno glaucomatoso (qualunque sia il valore della pressione oculare), verranno richiesti due esami, quello del Campo Visivo, e quello di Imaging della papilla ottica e delle fibre nervose retiniche (OCT), la cui corretta interpretazione permettera' di definire l'individuo esaminato come "affetto da glaucoma", "sospetto glaucoma" o "sano". 3. Nel caso in cui il clinico dovesse osservare una papilla ottica "normale" ed un valore della pressione oculare elevata (superiore a 21 mmHg), verranno richiesti due esami, quello del Campo Visivo, e quello di Imaging della papilla ottica e delle fibre nervose retiniche (OCT), la cui corretta interpretazione permetterà di definire l'individuo esaminato come "sospetto glaucoma" o "iperteso oculare", quei pazienti cioè che per caratteristiche hanno un rischio più elevato di sviluppare il glaucoma nel corso degli anni. 4. Nel caso in cui il clinico dovesse osservare una papilla ottica "con chiari segni di danno glaucomatoso" qualunque sia il valore della pressione oculare, verranno richiesti due esami, quello del Campo Visivo, e quello di Imaging della papilla ottica e delle fibre nervose retiniche (OCT), la cui corretta interpretazione permetterà di confermare che l'individuo esaminato è "affetto da glaucoma". In questo caso però non potremo più parlare di diagnosi precoce, ma di diagnosi di malattia ad uno stadio decisamente più avanzato, per cui alla fine si tratterebbe di una "diagnosi tardiva".