Gli alligatori del Tennessee che assorbono metanfetamine nei fiumi

massimo basile
Il rischio di brutti incontri con gli alligatori, in Tennessee, si arricchisce di un'incognita in più: trovarseli di fronte sotto l'effetto di anfetamine. Li chiamano "meth-gator" e sono il nuovo incubo degli abitanti di Loretto, Tennesse, allertati in questi giorni dalla polizia locale.Sulla pagina Facebook del distretto è stato pubblicato un post che invita i cittadini a non buttare nello scarico del bagno droghe o altri farmaci: le sostanze, disciolte nell'acqua che poi finisce nel fiume, sono una minaccia per la salute degli animali selvatici che vivono nella zona. Non solo, bere acqua contaminata può provocare comportamenti aggressivi difficili da prevedere e da gestire, con conseguenze potenzialmente drammatiche.Tutto nasce da un'operazione antidroga portata a termine dalla polizia sabato. Durante il blitz in una casa, un piccolo trafficante ha cercato di sbarazzarsi della droga buttandola nello scarico: impressionati dalle possibili conseguenze, gli agenti hanno pubblicato su Facebook i dettagli dell'operazione e al tempo stesso lanciato l'appello. "Gli addetti alle fognature - scrivono - stanno facendo un ottimo lavoro per garantire la qualità delle nostre acque. Ma non sono preparati a purificarle dalla metanfetamina o da altre sostanze chimiche che si trovano nei farmaci. Se siete a conoscenza di un traffico di stupefacenti, fateci una segnalazione. Se avete in casa medicinali scaduti, portateli nei centri comunali di smaltimento".E non basta perché le acque contaminate del Tennesse potrebbero arrivare fino in Alabama, altra terra di alligatori. Ma il rischio di trovarsi branchi di "meth-gators" non sembra spaventare tutti. C'è chi si è scatenato sui social: "Potrebbero essere le nuove mascotte della nostra università. Pensate all'impressione che farebbe giocare contro i South Alabama meth-gators!" hanno scritto su Twitter. E ancora: "Stasera! Dal vivo! Meth-gatorrrrr!".

Il rischio di brutti incontri con gli alligatori, in Tennessee, si arricchisce di un'incognita in più: trovarseli di fronte sotto l'effetto di anfetamine. Li chiamano "meth-gator" e sono il nuovo incubo degli abitanti di Loretto, Tennesse, allertati in questi giorni dalla polizia locale.

Sulla pagina Facebook del distretto è stato pubblicato un post che invita i cittadini a non buttare nello scarico del bagno droghe o altri farmaci: le sostanze, disciolte nell'acqua che poi finisce nel fiume, sono una minaccia per la salute degli animali selvatici che vivono nella zona. Non solo, bere acqua contaminata può provocare comportamenti aggressivi difficili da prevedere e da gestire, con conseguenze potenzialmente drammatiche.

Tutto nasce da un'operazione antidroga portata a termine dalla polizia sabato. Durante il blitz in una casa, un piccolo trafficante ha cercato di sbarazzarsi della droga buttandola nello scarico: impressionati dalle possibili conseguenze, gli agenti hanno pubblicato su Facebook i dettagli dell'operazione e al tempo stesso lanciato l'appello. "Gli addetti alle fognature - scrivono - stanno facendo un ottimo lavoro per garantire la qualità delle nostre acque. Ma non sono preparati a purificarle dalla metanfetamina o da altre sostanze chimiche che si trovano nei farmaci. Se siete a conoscenza di un traffico di stupefacenti, fateci una segnalazione. Se avete in casa medicinali scaduti, portateli nei centri comunali di smaltimento".

E non basta perché le acque contaminate del Tennesse potrebbero arrivare fino in Alabama, altra terra di alligatori. Ma il rischio di trovarsi branchi di "meth-gators" non sembra spaventare tutti. C'è chi si è scatenato sui social: "Potrebbero essere le nuove mascotte della nostra università. Pensate all'impressione che farebbe giocare contro i South Alabama meth-gators!" hanno scritto su Twitter. E ancora: "Stasera! Dal vivo! Meth-gatorrrrr!".