"Gli alunni si comportano meglio se ricevono lodi, anziché rimproveri": i risultati di uno studio

HuffPost

I complimenti sono più educativi dei rimproveri. Una ricerca pubblicata su Educational Psycology sostiene che per migliorare la condotta in classe, i bambini andrebbero lodati per i comportamenti positivi, anziché rimproverati per quelli negativi. Ricompensare i bambini per i loro sforzi risulta essere fondamentale per coltivare l’autostima e la fiducia in se stessi.

Gli elogi favorisco un’alta concentrazione negli studenti, mentre i rimproveri hanno l’effetto opposto, suggerisce lo studio. La ricerca, condotta su un campione di oltre 2500 alunni negli Stati Uniti, ha evidenziato che la concentrazione risultava maggiore nelle classi in cui gli elogi erano maggiori dei rimproveri. In metà delle classi analizzate, gli insegnanti hanno chiesto agli alunni di seguire determinati comportamenti, premiando chi li adottava. Nell’altra metà, gli insegnanti hanno invece tenuto il loro “classico” metodo di insegnamento.

Paul Caldarella, docente della Brigham Young University nello Utah che ha condotto la ricerca, ha dichiarato: “La lode è una forma di feedback dei docenti fondamentale per i ragazzi che in questo modo capiscono quali sono i comportamenti positivi che ci si aspetta da loro”. E aggiunge: “Diverse ricerche hanno purtroppo evidenziato come spesso gli insegnanti siano più propensi a sottolineare una condotta deprecabile, invece che esaltare un comportamento appropriato, con tutte le conseguenze negative del caso. Ricompensare i bambini per i loro sforzi risulta essere fondamentale per coltivare l’autostima e la fiducia in se stessi”. 

Nonostante i risultati ottenuti dalle ricerche, gli esperti sono comunque molto cauti. “Il vantaggio di elogiare un comportamento positivo è ben noto, ma se si abusa di questo approccio c’è il forte rischio che diventi inefficace”, afferma Geoff Barton, segretario generale dell’Associazione dei dirigenti scolastici e universitari. “Si tratta di utilizzare questo approccio in modo sensato ed...

Continua a leggere su HuffPost