Gli animali provano emozioni?

Roger de La Harpe / Biosphoto / Biosphoto via AFP

AGI - Possiamo davvero intuire i sentimenti di un animale o stiamo semplicemente proiettando i nostri? Se lo chiede un articolo del Guardian. L'incipit è dirimente: “Quando un cane ti ringhia, è arrabbiato? Quando uno scoiattolo fugge su un albero al tuo arrivo, è spaventato? Quando un elefante sta per giorni in un punto in cui un altro è morto, è addolorato? Se una persona vive con un animale potrebbe pensare che la risposta sia ovvia, ma la domanda scientifica rimane allettantemente aperta”, suggerisce il quotidiano inglese.

Partiamo da alcuni riscontri consolidati, analizza il giornale, e cioè dal fatto che “il cervello di ogni animale regola i suoi organi, gli ormoni e gli altri sistemi del suo corpo tramite elettricità e sostanze chimiche vorticose” ma “all'interno del tuo stesso corpo, questi processi ti tengono in vita e, in qualche modo, producono anche il tuo umore generale in modi che gli scienziati stanno ancora cercando di risolvere”. Insomma, l'umore delle persone “è una specie di riassunto di come sta andando tutto il corpo. Va da piacevole a sgradevole e da fermo a attivato. L'umore non è emozione – è sempre con te, anche quando non sei emotivo”.

La domanda che ora ci si pone è: “Gli altri animali sentono consapevolmente l'umore come noi? Non possono dircelo, quindi non possiamo saperlo con certezza”. Certo, ma il filosofo Peter Godfrey-Smith propone tre comportamenti che possono fornire indizi. Ovvero, “l'animale si prende cura, protegge e si prende cura delle sue parti del corpo ferite? Molti lo fanno, inclusi uccelli, mammiferi, polpi e crostacei, ma le mosche possono perdere un arto e andare avanti normalmente. L'animale sembra considerare costi e benefici? I granchi tollerano le scosse elettriche per rimanere al loro posto se l'odore di un predatore si diffonde. L'animale cerca sostanze chimiche antidolorifiche dopo un infortunio? I polli lo fanno: quando sono feriti, scelgono mangimi drogati rispetto a quelli normali. Alcuni pesci nuoteranno in acque meno profonde, dove i predatori possono nascondersi, per raggiungere e consumare oppiodi”. Anche se le api, per esempio, non mostrano nessun tipo di questi comportamenti.

Tuttavia, è l'analisi, Passare dall'umore all'emozione è un altro conto. È più complicato perché la questione delle emozioni animali dipende in primo luogo da come e cosa si definisce "emozione". “Alcuni scienziati pensano che le emozioni siano sentimenti specifici, come il terrore della paura, e chiedono se altri animali le provano. Altri scienziati li definiscono come comportamenti con utili funzioni di sopravvivenza, come azioni che consentono a un animale di sfuggire a un predatore. Altri ancora definiscono le emozioni come i circuiti cerebrali che corrispondono a quei comportamenti; ad esempio, cercano uno specifico "circuito della paura" che potrebbe innescare il congelamento in situazioni che considereremmo paurose”, sottolinea il Guardian. “E ciascuna di queste emozioni richiede un'interferenza umana”.

La risposta, allora? I sentimenti che attribuiamo agli animali sono tutti nella nostra testa e in quella degli scienziati. Morale della favola: “L'idea che altri animali condividano le nostre emozioni è avvincente e intuitiva, ma le risposte che forniamo potrebbero rivelare di più su di noi che su di loro”. Un caso di transfert sentimentale.