Gli astronauti della Stazione Spaziale "localizzano" Babbo Natale

Brahim Maarad

Per decenni, l'esercito degli Stati Uniti ha seguito in diretta ogni 24 dicembre il tour di Babbo Natale e fornito agli interessati, quasi sempre bambini, la localizzazione precisa delle renne. Ma per la prima volta quest'anno, ha ricevuto assistenza ai massimi livelli per garantire che la distribuzione dei doni procedesse senza intoppi: quella degli astronauti sulla Stazione spaziale internazionale (Iss).

"Abbiamo ottenuto una conferma visiva che Babbo Natale sta attualmente viaggiando sull'India!", ha annunciato l'astronauta americano Andrew Morgan alle 18 in un video dall'Iss. La stazione, situata a 400 chilometri sopra la Terra, offre agli astronauti "un punto di osservazione ideale per seguire Babbo Natale nel suo viaggio intorno al mondo", ha spiegato la Sicurezza aerea degli Stati Uniti e Canada (Norad), ringraziando il colonnello Morgan e il suo team per l'eccezionale collaborazione.

Le informazioni raccolte congiuntamente consentono di visualizzare, in diretta e in 3D, il viaggio del famoso uomo barbuto sul sito www.noradsanta.org, visitato da più di 20 milioni di persone ogni Natale. Su una slitta trainata da nove renne, con un cappuccio pieno di regali nella parte posteriore, alle 17.30 Babbo Natale si trovava sopra la Russia, dopo aver visitato i bambini di Australia, Thailandia e Cina con oltre un miliardo e mezzo di regali già distribuiti.

"Babbo Natale è appena decollato dal Polo Nord!", aveva annunciato il Norad alle 10.30. Il dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha dichiarato da parte sua in un comunicato stampa che ha autorizzato le renne di Babbo Natale a entrare negli Stati Uniti, dopo aver verificato in particolare che i loro vaccini sono aggiornati.

La tradizione americana di questa caccia iniziò nel 1955, grazie a un errore su un giornale locale del Colorado. Un annuncio della catena di grandi magazzini Sears riportava per erroneamente il telefono rosso del Norad invece di quello che doveva essere di un Babbo Natale. Inizialmente confuso quando si trovò in linea con un ragazzo che gli chiedeva se fosse "Babbo Natale", l'ufficiale di turno quel giorno, il colonnello Harry Shoup, entrò nella parte e chiese ai suoi uomini per fornire informazioni sulla posizione di "Santa Claus".

Oggi molti volontari aiutano i militari a rispondere alle telefonate e alle e-mail dei bambini. Anche il presidente americano e la First lady si offrono tradizionalmente per rispondere a qualche telefonata. Dalla Florida dove è in vacanza, Donald Trump non ha detto se avrebbe continuato la tradizione quest'anno.