Gli auguri di compleanno di Barack a Michelle Obama sono la prova definitiva che il vero amore esiste

Di Elisabetta Moro
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Scott Olson - Getty Images
Photo credit: Scott Olson - Getty Images

From ELLE

Ha ricevuto gli auguri dai Biden e da Kamala Harris ("Il mondo e io stessa siamo migliori grazie a te"), da Viola Davis, Ellen DeGeneres e persino l'Ente delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'empowerment femminile, UN Women, le ha dedicato un post su Twitter. I messaggi di auguri a Michelle Obama il 17 gennaio piovono da ogni dove (e giustamente), ma noi stavamo solo aspettando quelli più importanti di tutti, solo per commuoverci un po' con gli occhi a cuoricino e, come ogni anno, sono puntualmente arrivati. La dedica di Barack Obama a sua moglie per il suo 57esimo compleanno ci parla di un amore più forte che mai che creato la dream couple che tutti conosciamo e che l'ha fatta resistere a tutto e arrivare fin qui. "Buon compleanno al mio amore, alla mia partner, alla mia migliore amica. Ogni momento con te è una benedizione. Ti amo Miche". Insomma: il vero amore esiste davvero?

A guardare gli Obama sembra proprio di sì. I due non hanno mai fatto un mistero del loro legame unico e ne hanno entrambi parlato ampiamente nelle rispettive biografie come parte integrante del percorso che li ha portati a essere la first couple più amata dell'ultimo decennio. La foto pubblicata da Barack Obama mostra una giovane Michelle - capelli cortissimi e sguardo serio - e risale ai primi Anni 90 poco dopo il loro primo incontro nel 1989. La storia la conosciamo: lei è un'avvocata venticinquenne nel prestigioso studio di Sidley & Austin di Chicago e lui un talentuoso laureato a Harvard, tirocinante estivo a cui Michelle deve fare da tutor. Il primo giorno lui arriva in ritardo e lei non ha nessuna intenzione di farsi imbambolare da questa specie di ragazzo prodigio ammirato da tutti. "Nemmeno una volta avevo pensato a lui come a qualcuno con cui uscire", racconta in Becoming, "Per prima cosa, ero la sua mentore in studio. Recentemente poi avevo anche giurato di smettere del tutto di frequentare qualcuno, ero troppo presa dal lavoro per impegnarmi". E invece lui le chiede di uscire e fa crollare tutte le resistenze. Un gelato, una lunga passeggiata, un film e poi il primo bacio.

Si frequentano per due anni e a quel punto lei vorrebbe fare il grande passo ma lui non è convinto. Discutono come due avvocati sviscerando la questione, parlano del perché sposarsi e del significato di quel gesto. Lei si infuria ogni volta che si tocca l'argomento. Una sera ne discutono anche al ristorante: lui dice che ancora non vede il motivo di sposarsi, lei sta per ribattere esasperata quando il cameriere le porta il dessert e sul piatto al posto del soufflé al cioccolato si ritrova un anello di fidanzamento. "Mi ci è voluto un secondo per smantellare la mia rabbia e passare a uno stato di shock gioioso". Naturalmente ha detto sì.

Ma il matrimonio degli Obama non è solo rose e fiori: certo ci sono le loro due splendide figlie, Malia e Sasha, c'è tanta complicità e il supporto reciproco che li ha portati a decidere insieme di tentare la corsa alla Casa Bianca, ci sono i successi e i progetti portati avanti insieme. Ma ci sono anche le difficoltà, la fatica di conciliare la famiglia con gli impegni di un presidente eletto per due mandati. "Il matrimonio è una scelta che fai ogni giorno", ha spiegato l'ex first lady, "Non lo scegliamo perché è facile, ma lo scegliamo perché ci crediamo. Perché crediamo nell’altro". Michelle Obama non si è risparmiata e ha raccontato i momenti bui, quelli in cui non sopportava più il marito, quelli in cui la sua carriera sembrava fagocitare tutto. Ha parlato del suo percorso personale per non lasciarsi abbattere, della terapia di coppia e di tutto l'impegno che è necessario mettere in gioco per portare avanti un matrimonio e mantenere vivo l'amore. "Alcune notti", ha scritto Obama nella sua ultima biografia,"sdraiato accanto a Michelle al buio, pensavo a quei giorni in cui tutto tra noi sembrava più leggero, quando il suo sorriso era più costante e il nostro amore meno gravato, e il mio cuore si stringeva all'improvviso al pensiero che quei giorni sarebbero potuti non tornare più".

Photo credit: Scott Olson - Getty Images
Photo credit: Scott Olson - Getty Images

Invece quei giorni sono tornati. Ora l'ex first couple si gode un po' di ritrovata normalità (pandemia permettendo) e l'alleanza tra Michelle e Barack è più forte che mai tra i mille progetti che stanno portando avanti. Il vero amore esiste, ma dietro c'è molto, molto di più di una dedica su Instagram.