Gli Emirati Arabi ospiteranno Cop28 nel 2023. “Tutti avranno un posto al tavolo, sarà la cop delle soluzioni"

·3 minuto per la lettura

AGI - La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) ha annunciato ufficialmente che gli Emirati Arabi Uniti ospiteranno la 28a Conferenza delle parti (COP28) nel 2023. La conferma ha seguito l'approvazione unanime del Gruppo di nazioni dell'Asia Pacifico durante la COP26 dì Glasgow, che ha riunito quasi 200 paesi per trovare una strategia comune nella lotta contro il cambiamento climatico.

Lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, ha dichiarato: "Siamo lieti e onorati della decisione dell'UNFCCC di selezionare gli Emirati Arabi Uniti per ospitare la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici nel 2023 e impegnarci a sostenere l'intera comunità internazionale nell'accelerare sforzi congiunti per superare la minaccia molto reale del cambiamento climatico. La COP28 nel 2023 sarà e dovrà essere una 'COP delle soluzioni'. L'iniziativa strategica UAE Net Zero entro il 2050 annunciata all'inizio di quest'anno mostra il nostro incrollabile impegno nell'azione per il clima e attraverso nuovi investimenti e partnership siamo determinati a sostenere altri Paesi nell'affrontare il cambiamento climatico. Non vediamo l'ora di accogliere il mondo alla COP28.”

Sultan Ahmed Al Jaber, ministro dell'industria e della tecnologia avanzata degli Emirati Arabi Uniti e inviato speciale per i cambiamenti climatici, ha affermato che la decisione di ospitare la COP28 negli Emirati Arabi Uniti è il risultato della visione della sua leadership: "La COP 28 misurerà fino a che punto siamo arrivati, e fino a che punto dobbiamo ancora andare per adempiere all'accordo di Parigi. Il nostro principio guida per la COP 28 sarà l'inclusività. Vogliamo riflettere le opinioni e invitare il contributo dei paesi sviluppati e in via di sviluppo, del settore pubblico e privato, del mondo accademico e della società civile. Tutti avranno un posto al tavolo. I paesi sviluppati accanto alla nazione in via di sviluppo, il pubblico al fianco del settore privato, gli scienziati al fianco della società civile e anche. le voci dei giovani. È insieme che ce la faremo".

La 27a sessione della Conferenza delle parti nel 2022 sarà ospitata dall'Egitto. Gli Emirati Arabi Uniti sono stati il ​​primo paese del Medio Oriente e del Nord Africa a ratificare l'Accordo di Parigi e ad impegnarsi a ridurre le proprie emissioni di carbonio. Durante COP26, è stata lanciata ufficialmente l'Agriculture Innovation Mission for Climate (AIM for Climate), una nuova iniziativa guidata da Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti (USA) con il supporto di oltre 30 governi.

AIM for Climate ha annunciato un aumento di 4 miliardi di dollari negli investimenti per accelerare l'innovazione per l'agricoltura e i sistemi alimentari intelligenti per il clima nei prossimi cinque anni. Gli Emirati Arabi Uniti hanno promesso 1 miliardo di dollari di maggiori investimenti come parte di questa iniziativa, che mira ad aumentare e accelerare l'innovazione dei sistemi agricoli e alimentari a sostegno dell'azione per il clima. AIM for Climate si concentra sulla valorizzazione dei ritorni economici ad alto potenziale e sulla creazione di posti di lavoro dagli investimenti nell'innovazione in un settore che impiega oltre 2 miliardi di persone e alimenta la popolazione mondiale in crescita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli