Gli Emirati Arabi Uniti non sono così lontani: le opportunità per chi studia e ha voglia di cambiare

Livia Paccarié
·2 minuto per la lettura
Hp (Photo: HPOST14)
Hp (Photo: HPOST14)

Nel corso degli anni, gli Emirati Arabi Uniti sono diventati una destinazione favorita per chi desidera studiare in un altro paese. Gli EAU infatti ospitano studenti provenienti da tutto il mondo nelle loro numerose scuole e università, ritenuti i migliori tra i paesi del Golfo.

Per i cittadini emiratini l’istruzione è gratuita a tutti i livelli e comprende anche il materiale scolastico, le uniformi e gli abbonamenti ai mezzi di trasporto, mentre gli studenti internazionali possono fare affidamento su diverse offerte di borse di studio.

Anche l’Italia ha un passato e un presente di collaborazione accademica con gli EAU, sfruttando anche la presenza di oltre 60 docenti italiani nelle Università del Paese, nonché sostenendo i flussi di studenti in visita. Un ulteriore obiettivo è incrementare il numero di studenti italiani presso il Masdar Institute di Abu Dhabi, che offre ogni anno borse di studio per corsi post-laurea (Master di II livello e PhD). https://consdubai.esteri.it/consolato_dubai/it/in_linea_con_utente/

Il visto

Gli studenti che non provengono dai paesi del Golfo devono presentare una domanda di visto studio per gli EAU e affinché la richiesta venga accettata, l’Università di origine deve fare da “sponsor”.

Il visto studentesco costa fino a 3.000 dirham, corrispondenti più o meno a 670 euro, che verranno rimborsati alla fine degli studi nel Paese. Negli Emirati inoltre gli studenti di età pari o superiore a 18 anni possono lavorare a tempo parziale, a condizione di richiedere un permesso di lavoro.

Gli studenti internazionali inoltre devono sottoscrivere un’assicurazione sanitaria nel proprio paese prima di partire per gli Emirati Arabi Uniti.

Hp (Photo: HPOST14)
Hp (Photo: HPOST14)

Le borse di studio

Il Masdar Institute of Science and Technology di Abu Dhabi è la prima università universitaria al mondo dedicata a fornire soluzioni reali ai probl...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.