Gli Emmy incoronano The Crown, è il trionfo di Netflix

·2 minuto per la lettura
LONDON, ENGLAND - SEPTEMBER 19:  (L-R) Suzanne Mackie, Matthew Byam Shaw, Peter Morgan, Oona O'Beirn, Stephen Daldry and Robert Fox attend the
LONDON, ENGLAND - SEPTEMBER 19: (L-R) Suzanne Mackie, Matthew Byam Shaw, Peter Morgan, Oona O'Beirn, Stephen Daldry and Robert Fox attend the

I primi Emmy in presenza dall’inizio della pandemia incoronano “The Crown”: la quarta stagione della pluripremiata saga sulla famiglia reale britannica ha vinto il premio per la migliore serie drammatica regalando a Netflix la sua prima statuetta nella categoria. A Ted Lasso l’altra corona per la commedia: la serie con Jason Sudeikis sul coach di football americano dal grande cuore chiamato ad allenare una squadra di calcio britannica a perenne rischio di retrocessine era il frontrunner della vigilia davanti a “Hacks” con Jean Smart, vincitrice a sua volta nella categoria della miglior attrice comica con la parte di una “comedian” a Las Vegas in stile Joan Rivers.

Al cardiopalma e indecisa fino all’ultimo tra “Regina degli Scacchi” di Netflix, “I May Destroy You” di Michaela Coel e “Omicidio a Easttown” entrambe di Hbo la corsa per la migliore serie limitata: ha dato scacco matto l’avventura dell’orfanella genio della scacchiera interpretata da Anya Taylor-James, mentre Kate Winstel, nella parte della poliziotta Mare, ha vinto come migliore attrice.
“The Crown” aveva già portato a casa quattro premi lo scorso fine settimana nel corso degli Emmy Creativi e stasera ha fatto man bassa di statuette anche per il suo cast: hanno vinto Josh O’Connor (Carlo) come migliore attore in una serie drammatica e Olivia Colman (la regina Elisabetta) e poi Gillian Anderson (Margaret Thatcher) e Tobias Menzier (Filippo). Premiato anche Peter Morgan per la sceneggiatura e la regista Jessica Hobbs.

Solo un servizio in streaming, Hulu, con Handmaids Tale quattro anni fa, aveva mai vinto un Primetime Emmy nella prestigiosa categoria della migliore serie drammatica.

Netflix è stato il grande vincitore degli Emmy un totale di 44 trofei tra cui dieci nella cerimonia dei premi Primetime. Hanno seguito Hbo/Hbo Max con 19 statuette e Disney+ con 14, e poi Apple tv con 11 di cui quattro per “Ted Lasso” stasera (oltre alla miglior serie comica sono stati premiati Sudeikis, Brett Goldstein e Hannah Waddingham).

Condotta dal comico Cedric the Entertainer di casa alla Cbs, la cerimonia si è svolta a Los Angeles in una tenda dietro la sua location tradizionale, il Microsoft Theater: poche centinaia gli invitati seduti a tavola in stile Golden Globes invece dei soliti oltre settemila. Non tutti i candidati sono intervenuti in presenza: tra questi il cast di “The Crown”, riunito a Londra per celebrare, come l’anno scorso aveva fatto a Toronto quello di “Schitt’s Creek”

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli