Gli europei sono favorevoli a un passaporto vaccinale

·1 minuto per la lettura

AGI - All'arrivo della quarta ondata di contagi di coronavirus in tutta Europa, la maggior parte dei cittadini del continente è favorevole ai passaporti vaccinali. A rivelarlo è un sondaggio di Yougov-Cambridge Globalism Project riportato dal Guardian.

Nei dieci paesi europei intervistati, è emerso un sostegno importante all'utilizzo del green pass rinforzato per regolare l'accesso ai grandi eventi: in Francia dice sì il 57 per cento, in Germania il 59 per cento, in Italia si sale al 62 per cento, mentre Spagna e Gran Bretagna fanno registrare un consenso del 64 per cento. Solo la Polonia, con il 45 per cento dei favorevoli, si dimostra più restia.

Un'approvazione minore ma comunque alta si ha quando il tema dibattuto è l'uso del passaporto vaccinale per gli eventi minori. Nel caso dell'ammissione ai ristoranti, solo ungheresi e polacchi si oppongono in maggioranza alla misura. Stessa cosa per l'accesso ai trasporti pubblici - con la Danimarca che si aggiunge alla frangia dei Paesi in larga parte contrari - ai bar e alle palestre.

Nonostante l'ampio sostegno all'adozione del passaporto vaccinale, i cittadini europei dicono però di essere sempre più frustrati per le restrizioni legate al contrasto del coronavirus e insoddisfatti dei risultati raggiunti dai propri governi.

Ad esempio, in Germania la percentuale di chi afferma che il proprio Paese sta gestendo bene la lotta alla pandemia è passata dal 67 per cento nel 2020 al 44 per cento, in Italia dal 58 al 48 per cento e in Grecia, addirittura, dal 72 al 42 per cento

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli