Gli incendi che stanno devastando la Siberia sono un pericolo per tutto il pianeta

andrea nobili

Innescati spesso dai lampi, giganteschi incendi boschivi hanno regolarmente attraversato l'immensità della Siberia, ma il livello raggiunto quest'anno è eccezionale e suscita apprensione per l'impatto sull'ambiente e sul surriscaldamento globale, per via delle emissioni di anidride carbonica (CO2) e delle polveri sottili. Ed è un disastro che, secondo gli ambientalisti, contribuirà ad accelerare lo scioglimento dei ghiacciai dell'Artico.

Gli incendi vanno avanti da giorni. Ma lunedì più di 3,2 milioni di ettari erano preda delle fiamme, soprattutto nelle regioni della Jacuzia, la vasta regione russa nella Siberia nordorientale, a Krasnoyarsk e a Irkutsk. Le fiamme sono favorite dalle alte temperature, con massime sopra i 30 gradi Celsius, e vengono sostenute dal forte vento che l'incendio stesso autoproduce. Il fumo acre ormai ha raggiunto non solo i piccoli villaggi ma anche le maggiori città della Siberia occidentale, nella regione dei monti Altai e negli Urali così come a Chelyabinsk ed Ecaterinburg, causando spesso problemi al traffico aereo.

Domenica, il fumo ha raggiunto il vicino Kazakistan, dove una "concentrazione di inquinanti che supera la norma" è stata registrata in diverse città, tra cui la capitale Nur-Sultan, secondo il servizio meteorologico kazako.
A parte i timori per la salute della popolazione locale, gli ambientalisti avvertono che gli incendi possono accelerare il riscaldamento globale. "Gli incendi boschivi nella parte orientale del Paese hanno da tempo smesso di essere un problema locale", ha dichiarato Greenpeace, nella sua edizione russa, in una nota. "Si è trasformato in un disastro ecologico con conseguenze per l'intero Paese".

Secondo l'associazione ambientalista, quest'anno sono bruciati quasi 12 milioni di ettari, con significative emissioni di CO2, la cui capacità di essere assorbita e a sua volta ridotta dalla riduzione delle foreste causata dai roghi. "E c'è l'ulteriore problema della fuliggine che cade sul ghiaccio o sulla neve favorendone lo scioglimento perché, scurendo la superficie, ne riduce la riflettività e intrappola più calore", spiega l'Organizzazione meteorologica mondiale in una nota.

Alcuni scienziati hanno pubblicato immagini satellitari della Nasa che mostrano le nuvole di fumo che raggiungono le aree artiche. L'esperto di Greenpeace Russia Grigory Kuksin ha affermato che la fuliggine e le ceneri accelerano lo scioglimento del ghiaccio artico e del permafrost - lo strato permanentemente congelato che ha iniziato a sciogliersi - rilasciando gas che rafforzano il riscaldamento globale. Il fenomeno sta interessando numerose regioni dell'Artico, come l'Alaska e la Groenlandia. Secondo l'Organizzazione meteorologica mondiale, gli incendi nell'Artico solo nel mese di giugno hanno prodotto una quantità di anidride carbonica equivalente al totale emesso dalla Svezia in un anno.