Gli indizi epidemiologici portano dritti ad una 10 giorni che si è tenuto alle Canarie ad inizio mese

Il primo focolaio di monkeypox potrebbe aver avuto origine alle Canarie
Il primo focolaio di monkeypox potrebbe aver avuto origine alle Canarie

Quale potrebbe essere il primo focolaio da cui è partito il vaiolo delle scimmie? Gli indizi epidemiologici portano dritti ad un evento che si è tenuto alle Canarie ad inizio mese, un evento che poi aveva contribuito a creare la notizia del tutto infondata che il contagio sessuale del monkeypox avesse una “corsia preferenziale” omosessuale. Nel mondo finora sarebbero stati censiti oltre 200 casi accertati e l’Ecdc ha parlato di “multi focolaio”.

Caccia al primo focolaio del vaiolo delle scimmie

Lo scopo è capire da dove si sia generata la nuova recrudescenza del virus a forma di botticella e tutti gli indizi convergono su un luogo e verso un dato momento. Quali? Si sarebbe trattato della non stop di dieci giorni che si è svolta a Maspalomas, nel sud di Gran Canaria. In quel frangente più o meno 80mila persone hanno partecipato alla ventesima edizione del “Gay pride”. Insomma, l’idea è che quello possa essere stato il cosiddetto “evento di amplificazione”. L’evento si è tenuto dal 5 al 15 maggio allo Ymbo center di Maspalomas.

Un singolo contagio e poi i contatti

I convenuti venivano da tutto il mondo e, quando sono tornati a casa dopo l’evento, hanno diffuso il contagio. Ovviamente il dato scientifico è che fra i partecipanti ci fossero uno o più casi di positività al monkeypox che poi si sono moltiplicati man mano che i partecipanti tornavano a casa. La riprova? Tutti i sei positivi individuati dallo Spallanzani di Roma erano reduci dalle Canarie in quei giorni o hanno incontrato qualcuno che alle Canarie era presente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli