Gli sms della prof di Bergamo all'alunno 14enne: "Ti amo, sono la tua fidanzata"

La Stampa

"Ti amo, sono la tua fidanzata. Un giorno mi presenterai i tuoi genitori". Questi i messaggi che la professoressa di Bergamo, ai domiciliari per atti sessuali con minorenne, inviava al suo alunno, all'epoca 13enne. Li riporta La Stampa, che ha raccontato dettagli sul rapporto, proibito dal codice penale, tra l'insegnante d'italiano di scuole medie di 40 anni e uno dei suoi studenti.

I due s'incontravano di giorno, nell'automobile di lei. Per uscire di casa il 13enne raccontava ai genitori di avere appuntamento con gli amici, con la fidanzatina: in realtà raggiungeva la professoressa. Le indagini sono cominciate in seguito a una segnalazione. Le forze dell'ordine hanno seguito l'alunno e la prof, confermando la voce.

L'insegnante ha un matrimonio finito male e due figli. Ora, rischia una pena dai 5 ai 10 anni per atti sessuali con minore.

Continua a leggere su HuffPost