Boris Johnson e gli ignobili post contro di lui. "È malato? Il karma esiste"

(Photo: Hp)

“Prima voleva l’immunità di gregge e poi se l’è beccato lui. Il karma esiste”: questo si legge in uno dei tanti tweet che hanno cavalcato l’hashtag #Johnson, balzato in cima ai trend topic. Dopo la notizia dell’ingresso in terapia intensiva da parte del primo ministro inglese, decine di utenti in tutto il mondo hanno commentato l’episodio: c’è chi ha gioito per le sue condizioni e chi ha criticato ferocemente i suoi detrattori, giudicando “spregevole” il comportamento di chi esulta per una persona spedita in terapia intensiva, sia esso un personaggio noto o meno.

“Gioire per il povero Johnson non vi rende migliori di lui”, si legge in un tweet scritto dall’utente Alex Pedaci. E un altro risponde: “Ha mandato a morire migliaia di inglesi, coloro che non si emozionano per Boris non hanno nessuno sulla coscienza”. In rete sono molti i messaggi al vetriolo contro il premier: “Non solo prima ha minimizzato con parole pericolose, contribuendo alla diffusione del virus, ma adesso occupa un posto di terapia intensiva che di fatto non gli tocca”, si legge in un tweet. E un utente twitta: “C’era qualcuno che si meritava di contrarre il COVID19 più di Boris Johnson? Io non credo proprio”.

 

Non tutti però hanno fatto i salti di gioia alla notizia della malattia: “Neanche a me piace Boris Johnson, ma oggi non è un politico è un malato come tutti gli altri”, si legge in un tweet. E ancora: “Da padre di una ragazza che studia e lavora a Londra non ho apprezzato non tanto le sue dichiarazioni in buona parte mal riportate, quanto i provvedimenti che hanno ritardato troppo il lockdown. Ma trovo vergognosi i commenti degli idioti che gioiscono su Twitter. Forza #BorisJohnson”, scrive un utente. “Ma quelli contenti perché Boris Johnson sta male sono gli stessi di #restiamoumani? Per sapere”, gli fa eco un altro.

C’è chi in rete non ha mancato di tirare in ballo il famoso “karma”: Johnson, che all’inizio dell’emergenza coronavirus aveva gelato il Regno Unito con la frase “Preparatevi a perdere i vostri cari” e parlando di immunità di gregge, si è ammalato dello stesso virus. “Johnson è la prova che stavamo aspettando sull’esistenza del Karma”, si legge in un tweet. E ancora: “Chissà se lo ha detto anche ai suoi familiari. Gli auguro di rimettersi, ma anche di imparare la lezione”. “Boris Johnson che parla di immunità di gregge e si becca il virus. Zingaretti che va a fare l’aperitivo, sminuendo tutto, e scopre di essere positivo. Che ci piaccia o no ‘la legge del karma’ esiste. A Napoli diciamo così :‘Nun sputa’ ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna’”, scrive un utente.

Colpevole o meno di aver sottovalutato la pericolosità del virus, Johnson ha incassato anche l’affetto di tanti: su Twitter un gruppo di medici inglesi posa per una foto con in mano i cartelli che formano la scritta “Get well soon, Boris” (“Rimettiti presto, Boris”). E ci sono anche bambini che hanno confezionato per lui dei lavoretti, prontamente fotografati dai genitori e messi in rete. 

Leggi anche...

Boris Johnson in terapia intensiva. Il ministro Raab gli subentra per esercitare la supplenza

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.