Gli squali trovano casa lungo il Tamigi tornato alla vita

·1 minuto per la lettura
(Photo: Getty/Twitter)
(Photo: Getty/Twitter)

Gli squali hanno trovato casa lungo il Tamigi grazie agli sforzi di conservazione per riportare in vita il fiume di Londra, dichiarato “biologicamente morto” nel 1957 a causa dei livelli estremi di inquinamento.

L’inversione di tendenza viene rivelata in un rapporto della Zoological Society of London (ZSL), che ha compiuto un vasto studio sulle condizioni del corso d’acqua.

Fra le specie che lo abitano, infatti, ci sono esemplari di squali fra cui il galeo, che può raggiungere i due metri di lunghezza e vivere fino a 50 anni, il palombo stellato e il velenoso ‘spurdog’.

Il Tamigi grazie alla sua elevata salinità permette a molte specie animali di popolarlo: fra queste sono stati individuati cavallucci marini, anguille e foche.
Gli scienziati ritengono che gli squali utilizzino l’estuario per partorire e questo è possibile grazie al miglioramento della qualità dell’acqua e delle concentrazioni di ossigeno nel fiume di 346 chilometri che scorre attraverso la capitale britannica.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli