Gli Usa bloccano la produzione di AstraZeneca

·2 minuto per la lettura
gli usa bloccano astrazeneca, "noi non avremo bisogno di questo vaccino"
gli usa bloccano astrazeneca, "noi non avremo bisogno di questo vaccino"

Bloccata la produzione negli Stati Uniti del vaccino Astrazenca. Secondo quanto dichiarato da Fauci, il governo statunitense non avrebbe bisogno di attingere al vaccino anglo-svedese, ma sarebbe in grado di soddisfare il fabbisogno interno con i vaccini di propria produzione.

Gli Usa bloccano la produzione del vaccino Astrazeneca

Il governo americano ha deciso di bloccare la produzione del vaccino AstraZeneca, prodotto nello stabilimento di Baltimora, lo stesso dove sono andate perdute le 15 milioni di dosi del vaccino Johnson & Johnson. Fiale, lo ricordiamo, che non avevano superato il controllo qualità, e causa il sospetto deterioramento, erano state bloccate. Ecco quindi arrivare, anche per AstraZeneca, lo stop alla produzione. Come riporta il NYT però, la produzione sarebbe stata bloccata, in quanto, come dichiarato da un alto funzionario sanitario federale: –“Gli Stati Uniti potrebbero non aver bisogno di Astrazeneca, anche se dovesse ottenere l’approvazione per l’immissione in commercio”.

Da quanto si apprende quindi, mentre per il vaccino della Johnson & Johnson, la produzione continuerà nell’impianto della Emergent Biosolutions, per AstraZeneca non sembra prospettarsi questa soluzione, ma solamente il blocco alla produzione. Linea che sembrerebbe trovare una conferma anche nelle parole di Anthony Fauci: -“La mia sensazione generale è che, visti i rapporti contrattuali che abbiamo con un certo numero di aziende, abbiamo abbastanza vaccini per soddisfare tutte le nostre esigenze senza utilizzare AstraZeneca“.

La polemica di Fauci

Lo stesso Fauci, nei giorni scorsi era salito sulle barricate, ponendo in dubbio i risultati sull’efficacia del vaccino AstraZeneca che la stessa azienda aveva presentanto, dichiarando che fossero datati. Polemica che alla fine si è risolta in un nulla di fatto, visto che l’azienda anglo-svedese ha poi provveduto a presentare i dati aggiornati dimostrando, non solo che il vaccino sia efficace, ma che la sua copetura sia miglirore rispetto ai dati precedenti anche nella fascia di età over 65.