Gli Usa ordinano l'evacuazione delle famiglie dei diplomatici in Ucraina

·1 minuto per la lettura

AGI - Gli Stati Uniti hanno ordinato l'evacuazione delle famiglie diplomatici in Ucraina "a causa della persistente minaccia di un'operazione militare russa". Lo si apprende da fonti del Dipartimento di stato.

Il personale non essenziale può lasciare l'ambasciata se lo desidera, e i cittadini americani residenti in Ucraina "dovrebbero considerare ora" di lasciare il Paese con voli commerciali o altri mezzi di trasporto.

"La situazione della sicurezza, in particolare lungo i confini dell'Ucraina, nella Crimea occupata dalla Russia e nella Donetsk controllata dalla Russia, è imprevedibile e potrebbe deteriorarsi in qualsiasi momento" si legge nel comunicato del Dipartimento di Stato.

Biden pensa a invio soldati nel Baltico

Il presidente Joe Biden ha esaminato la possibilità di inviare fino a cinquemila soldati nel Baltico e nell'est Europa. Lo riportano vari media americani.

Biden ne ha parlato a Camp David con i suoi consiglieri. Al vertice hanno partecipato, in remoto, oltre a vari alti ufficiali, il segretario alla Difesa Lloyd Austin e il capo di Stato maggiore generale Mark Milley.

Una delle ipotesi prevede l'invio tra mille e cinquemila soldati. Una decisione in merito verrà presa da Biden forse già oggi, lunedì.

Usa sconsigliano agli americani viaggi in Russia

Il governo degli Stati Uniti consiglia ai cittadini statunitensi di non recarsi in Russia "a causa della tensione al confine con l'Ucraina". Lo scrive il Dipartimento di Stato in un comunicato.

È "fortemente raccomandato" che i cittadini americani evitino di viaggiare in Russia - si legge nel comunicato - giustificando la decisione con "la possibilità di molestie ai cittadini americani", in particolare da parte della polizia russa, e il rischio di "applicazione arbitraria delle leggi locali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli