"Gli Usa riaprono la corsa agli armamenti". Cina e Russia condannano il test missilistico

HuffPost

Mosca e Pechino rispondono alla mossa di Donald Trump, che ieri ha ordinato il primo test di un missile lanciato da terra dopo il ritiro degli Usa dal trattato sulle Forze nucleari a raggio intermedio (Inf), che vietava simili lanci. Lo ha annunciato il Pentagono, citato dalla Cnn, spiegando che il test - nel quale il missile ha colpito un bersaglio a 500 km di distanza - è avvenuto con un missile con testata convenzionale partito dall’isola di San Nicolas in California.

Washington si è ritirata dal trattato Inf con Mosca all’inizio di agosto, dopo anni di accuse alla Russia su asserite violazioni compiute nello sviluppo del sistema missilistico russo Ssc-8. Inf limitava lo sviluppo di missili lanciati da terra con una gittata tra i 500 e i 5.500 km.

Dura la risposta di Russia e Cina, che accusano gli Stati Uniti di voler riaprire la corsa agli armamenti. “Gli Stati Uniti evidentemente hanno scelto di far salire la tensione militare”, ha dichiarato il viceministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov. “Noi non cediamo alle provocazioni -ha continuato parlando alla Tass- come ha detto ieri il presidente Vladimir Putin, noi rinnoviamo il nostro impegno ad una moratoria unilaterale sul dispiegamento di sistemi di missili a medio raggio terrestri fino a quando gli Stati Uniti non dispiegheranno sistemi del genere in qualche parte del mondo”.

Per Pechino, il lancio di un missile di medio raggio da parte degli Stati Uniti “rilancerà la corsa agli armamenti e porterà a una escalation degli scontri militari, cosa che avrà gravi conseguenze negative per la sicurezza regionale e internazionale”. Lo ha dichiarato un portavoce della diplomazia cinese, Geng Shuang, a proposito del test effettuato domenica al largo della California, meno di tre settimane dopo il ritiro dal trattato di disarmo Inf. Il lancio “prova che il vero obiettivo” degli Usa era poter “sviluppare senza limiti i missili e lottare per la superiorità militare unilaterale”, è...

Continua a leggere su HuffPost