Gloria Mesoraca, oggi i funerali della 29enne morta per Covid: forse vaccinata quando era già malata

·2 minuto per la lettura
Gloria Mesoraca funerali
Gloria Mesoraca funerali

Questa mattina alle 10 hanno avuto luogo i funerali di Gloria Mesoraca, impiegata di 29 anni morta all’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia dopo aver contratto il Covid. La ragazza lascia papà Salvatore, mamma Rosaria Andreoli e due sorelle minori di 23 e 14 anni. Si tratta di una delle più giovani vittime del Covid nel Reggiano.

Gloria Mesoraca: oggi i funerali

La cerimonia funebre ha avuto luogo nella chiesa parrocchiale a Cadelbosco Sopra, il paese in cui qualche tempo viveva con la famiglia. Gloria era già debilitata da tre anni di battaglia contro la vasculite, che nel tempo l’aveva costretta a lunghi ricoveri sia all’ospedale di Reggio sia al reparto di riabilitazione dell’ospedale San Sebastiano di Correggio. Era in cura per una patologia neurologica ma grazie alle cure mediche, alla vicinanza e all’affetto della sua famiglia stava facendo evidenti progressi nelle condizioni generali di salute e si stava lentamente riprendendo.

Gloria Mesoraca, oggi i funerali: parla il padre

Poi, come tutta la sua famiglia, è stata colpita dal Covid e sono iniziate le difficoltà respiratorie. Il medico, ha spiegato il papà, aveva consigliato il ricovero in ospedale quando le sue condizioni sono rapidamente peggiorate e i valori della saturazione scesi. In reparto ha combattuto per una ventina di giorni prima che sopragiungesse il decesso.

Nelle settimane precedenti aveva ricevuto la seconda dose di vaccino, probabilmente negli stessi giorni in cui si stava sviluppando il focolaio familiare. Forse se si fosse contagiata dopo una settimana forse ce l’avrebbe fatta, invece il contagio deve essere avvenuto proprio a ridosso dell’iniezione. In questo modo il siero non avrebbe fatto in tempo a sviluppare gli anticorpi necessari a proteggerla dalle forme gravi della malattia. “Sulle sue difese immunitarie basse, il Covid è stato il colpo di grazia“, ha ammesso il padre.

Non si sa se, date le sue condizioni di fragilità, una vaccinazione ulteriormente anticipata avrebbe potuto salvarla. “Non lo possiamo sapere, ma di certo su questo argomento vogliamo evitare ogni tipo di polemica“, ha confidato Salvatore.

Gloria Mesoraca, oggi i funerali: “Bisogna capire che di Covid si muore”

Il padre ci ha infine tenuto a lanciare un messaggio: “Le persone devono capire che di Covid si può morire, che non tutti siamo tutelati fino a che anche l’ultima persona non è vaccinata. Il pericolo c’è fino a che non viene debellato“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli