Golpe in Guinea, catturato il presidente Conde

·3 minuto per la lettura
A handout photo made available by Guinea military shows Alpha Conde, President of the Republic of Guinea (C) detained by army special forces in Conakry, Guinea 05 September 2021. According to several local and international media reports indicate Guinea's President Alpha Conde has been detained by army special forces in Conakry as gunfire was heard on the streets of the centre of Guinea's capital. Guinean Colonel Mamady Doumbouya spoke on a state television broadcast saying President Alpha Conde was in custody and warned people to stay indoors.  EPA/GUINEA MILITARY HANDOUT   BEST QUALITY AVAILABLE HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES (Photo: GUINEA MILITARY HANDOUTEPA)
A handout photo made available by Guinea military shows Alpha Conde, President of the Republic of Guinea (C) detained by army special forces in Conakry, Guinea 05 September 2021. According to several local and international media reports indicate Guinea's President Alpha Conde has been detained by army special forces in Conakry as gunfire was heard on the streets of the centre of Guinea's capital. Guinean Colonel Mamady Doumbouya spoke on a state television broadcast saying President Alpha Conde was in custody and warned people to stay indoors. EPA/GUINEA MILITARY HANDOUT BEST QUALITY AVAILABLE HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES (Photo: GUINEA MILITARY HANDOUTEPA)

Torna nel caos la Guinea Conakry, poverissimo Paese dell’Africa occidentale guidato finora da un contestato presidente di 83 anni, Alpha Conde, al terzo mandato nonostante la Costituzione ne prevedesse un massimo di due. Al termine di una giornata confusa di spari e paura per gli abitanti della capitale e di notizie contrastanti, il leader della rivolta, il capo delle forze speciali Doumbouya, circondato dai suoi, ha annunciato alla tv di Stato di aver catturato il presidente e preso il controllo, invitando i soldati a rimanere nelle caserme e gli abitanti in casa. L’Onu ha condannato l’azione, chiedendo la liberazione di Conde.
L’Unione Africana sta valutando un consiglio straordinario da tenersi al più presto.

Members of the Armed Forces of Guinea drive through the central neighbourhood of Kaloum in Conakry on September 5, 2021 after sustainable gunfire was heard. - Gunfire was heard in Conkary in the morning and troops were seen on the streets, witnesses told AFP. There was no immediate explanation for the incidents in Conakry's Kaloum peninsula, where the presidency, various institutions and offices are located. (Photo by CELLOU BINANI / AFP) (Photo by CELLOU BINANI/AFP via Getty Images) (Photo: CELLOU BINANI via Getty Images)
Members of the Armed Forces of Guinea drive through the central neighbourhood of Kaloum in Conakry on September 5, 2021 after sustainable gunfire was heard. - Gunfire was heard in Conkary in the morning and troops were seen on the streets, witnesses told AFP. There was no immediate explanation for the incidents in Conakry's Kaloum peninsula, where the presidency, various institutions and offices are located. (Photo by CELLOU BINANI / AFP) (Photo by CELLOU BINANI/AFP via Getty Images) (Photo: CELLOU BINANI via Getty Images)

La situazione nel Paese resta incerta, sia per i dubbi sull’autenticità di un video diffuso dai golpisti in cui Conde appare circondato dai militari armati, sia per i proclami del ministero della Difesa che sostiene di aver respinto il golpe.
Di certo c’è l’annuncio dei militari e la capitale sotto assedio, mentre ci si interroga sul seguito che potrà avere la rivolta delle forze speciali, che giunge una settimana dopo l’approvazione in parlamento di un aumento del budget per la presidenza e i parlamentari a fronte di una diminuzione sostanziale per coloro che lavorano nei servizi di sicurezza come la polizia e i militari.

Testimoni hanno riferito di spari fin dalla prima mattinata e militari nelle strade del centrale quartiere di Kaloum, dove si trovava il presidente. Poi i golpisti hanno proclamato la sua cattura mentre, nelle stesse ore, dal governo giungevano annunci di un tentativo respinto con l’arresto di 25 ribelli. Nelle immagini diffuse nel primo pomeriggio in rete e sui media internazionali il presidente Conde appare seduto a piedi nudi su un divano con aria dimessa ma illeso, circondato da uomini armati in divisa. Nelle più recenti nelle strade deserte si aggirano solo uomini in divisa. I civili si tengono al sicuro, compresa la nazionale di calcio del Marocco che domani avrebbe dovuto disputare con la Guinea una partita di qualificazione per i Mondiali, rimasta chiusa in albergo in attesa di un volo che la riporti a casa.

Poi l’annuncio del successo del golpe da parte del colonnello Mamadi Doumbuya, rimbalzato sui social. L’ex ufficiale della Legione straniera francese ha annunciato la chiusura dei confini terrestri e aerei della Guinea e lo scioglimento del governo.

Indossando una divisa costellata di medaglie, occhiali da sole e berretto rosso da ufficiale, Doumbuya ha detto di aver agito a causa della “cattiva gestione” del governo, della corruzione e del mancato rispetto dei diritti.
Conde, 83 anni, un tempo leader dell’opposizione, era stato imprigionato e condannato a morte prima di diventare il primo leader democraticamente eletto della Guinea nel 2010, confermato poi nel 2015 dopo essere sopravvissuto ad un attentato nel 2011.

Le speranze di una nuova era nell’ex colonia francese si sono tuttavia presto dissolte quando è iniziata nel Paese una dura repressione degli oppositori e la decisione di intraprendere a tutti i costi un terzo mandato presidenziale.
La Guinea, uno dei Paesi più poveri del mondo nonostante vanti significative risorse minerarie, è stata a lungo afflitta dall’instabilità politica. Il colpo di Stato arriva nel mezzo di un lungo periodo di tensione politica, seguita alle elezioni che hanno portato al terzo mandato di Conde tra accuse di brogli.

Guinea police fire tear gas to disperse a crowd behind burning barricades following reactions by opposition supporters of presidential candidate Diallo in Conakry, Guinea, 19 October 2020 (reissued 05 September 2021). Several local and international media reports citing witnesses ndicate gunfire on the streets of the centre of Guinea's capital, Conakry, in the morning of 05 September 2021.  EPA/STR (Photo: STR EPA)
Guinea police fire tear gas to disperse a crowd behind burning barricades following reactions by opposition supporters of presidential candidate Diallo in Conakry, Guinea, 19 October 2020 (reissued 05 September 2021). Several local and international media reports citing witnesses ndicate gunfire on the streets of the centre of Guinea's capital, Conakry, in the morning of 05 September 2021. EPA/STR (Photo: STR EPA)

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli