Gomme invernali: quando scatta l’obbligo e cosa fare

Dal prossimo 15 novembre scatta in Italia l’obbligo delle gomme da neve. Ma di cosa si tratta, cosa prevede la legge e cosa dobbiamo fare da settimana prossima? (Credits – Getty Images)

Certo, le temperature sono tutto tranne che invernali e l’Italia in questi giorni è alle prese con le forti piogge e non si pensa certo alla stagione invernale. Ma in quota la neve sta già scendendo copiosa e, meteo o non meteo, dal prossimo 15 novembre scatta in Italia l’obbligo delle gomme da neve. Ma di cosa si tratta, cosa prevede la legge e cosa dobbiamo fare da settimana prossima?

Cosa succede dal 15 novembre

La direttiva del 16 gennaio 2013 sancisce l’obbligo di utilizzare gomme invernali, o le alternative riconosciute per legge, cioè catene o ‘calze’, a partire dal 15 novembre in diverse regioni e province, imponendo all’ente proprietario della strada di “prescrivere che i veicoli siano muniti o abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”. L’obbligo resta in vigore fuori dai centri abitati sino al 15 aprile, anche se su strade o tratti con particolari condizioni climatiche il periodo può essere esteso.

Quali pneumatici servono

Quando parliamo di gomme invernali, parliamo degli pneumatici che riportano la sigla M+S (Mud + Snow, fango + neve) oppure, in alternativa, le auto devono avere nel bagagliaio valide alternative da montare sulle gomme non invernali, come le catene o le cosiddette “calze”. Gli pneumatici invernali si differenziano da quelli normali per la mescola più morbida, che garantisce maggiore aderenza all’asfalto e uno spazio di frenata più breve, oltre ad avere un battistrada a lamellatura fitta che garantisce una maggior presa sulla neve.

Le multe in caso di assenza

Se non mettete in regola la vostra auto entro il 15 novembre cosa rischiate? Il codice prevede che chi non monta gomme invernali, o ha in dotazione catene o calze, dopo il 15 novembre rischi una multa che va da 85 a 338 euro.

Potrebbe anche interessarti:

Guidi un’auto in prestito? Ecco cosa devi fare per non prendere una multa

Motori, con i figli a bordo gli italiani diventano più prudenti

Cosa rischia chi usa troppo (e a sproposito) il clacson?