Google contro negazionisti clima, stop a monetizzazione contenuti

·1 minuto per la lettura

Google vieterà ai negazionisti del cambiamento climatico di monetizzare i propri contenuti sulle sue piattaforme. Lo ha annunciato la società. Una nuova politica per inserzionisti, editori e creatori di YouTube vieterà la pubblicità e la monetizzazione di contenuti che "contraddicono il consenso scientifico consolidato sull'esistenza e le cause" del cambiamento climatico, ha affermato la società in una nota.

"Ciò include contenuti che fanno riferimento al cambiamento climatico come una bufala o una truffa, affermazioni che negano che le tendenze a lungo termine mostrino che il clima globale si sta riscaldando e affermazioni che negano che le emissioni di gas serra o le attività umane contribuiscano al cambiamento climatico", ha affermato Google. La piattaforma esaminerà il contesto in cui sono state fatte le affermazioni, differenziando tra contenuti che affermano un'affermazione falsa come un fatto, rispetto a contenuti che riportano o discutono tale affermazione.

"Continueremo inoltre a consentire la pubblicità e la monetizzazione su altri argomenti relativi al clima, compresi i dibattiti pubblici sulla politica climatica, i diversi impatti dei cambiamenti climatici, nuove ricerche e altro ancora" conclude la nota.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli