Gorbaciov: Occhetto, 'ha detto no ad autoritarismo e salvato pace nel mondo'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 set. (Adnkronos) – "La tendenza acritica volta al più banale realismo politico fondata sul principio che il fine giustifica i mezzi avrebbe potuto condurlo verso un’altra direzione. Quella che imboccheranno i suoi successori. Egli invece non accettò la strada che gli era stata indicata dagli oppositori interni, cioè quella delle riforme economiche senza liberalizzazione. È questo il suo merito fondamentale: dire no a un autoritarismo di mercato che avrebbe portato in Cina la repressione in piazza Tienanmen. Gorbaciov aveva dichiarato la fine dell’esperienza storica del comunismo internazionale e con il rifiuto di una difesa repressiva evitò di portare l’umanità verso una guerra atomica. Il suo grande incancellabile merito internazionale è di aver salvato la pace nel mondo. Il suo fallimento è dovuto alla irriformabilità di quel sistema: in quelle condizioni era difficile andare oltre". Lo dice Achille Occhetto, intervistato dal 'Corriere della Sera'.

"Il fallimento del suo generoso tentativo di autoriforma -aggiunge ll'ultimo segretario del Pci- è la testimonianza più eloquente, e lo vediamo ancora oggi, che tanti anni di socialismo reale non hanno lasciato alcuna traccia di socialismo ideale e democratico nell’animo della maggioranza del popolo russo, più disposto a passare da un autoritarismo a un altro piuttosto che lasciarsi trascinare dalle nuove idee liberatrici di quello che molti consideravano un utopista visionario".