Gorilla non riesce a staccare gli occhi dal telefonino: "E' addicted"

·2 minuto per la lettura
Gorilla non riesce a staccare gli occhi dal telefonino:
Gorilla non riesce a staccare gli occhi dal telefonino: "E' addicted" (Getty Images)

Un gorilla dello zoo di Chicago è diventato dipendente dai cellulari. Si chiama Amare e vive nello zoo del Lincoln Park. I custodi sono stati costretti a prendere misure per gestire le visite ai gorilla, poiché ogni volta che i visitatori si avvicinavano a lui e gli scattavano una foto, poi Amare non riusciva a staccare gli occhi dagli smartphone. Un problema per lo zoo, visto che il gorilla è stato anche aggredito da un rivale mentre era troppo intento a guardare lo schermo del telefonino.

LEGGI ANCHE: La gorilla in cattività più vecchia al mondo compie 65 anni

GUARDA ANCHE IL VIDEO: La gorilla più anziana del mondo compie 65 anni!

Per tutelare il gorilla, i responsabili dello zoo hanno deciso di creare una "zona cuscinetto", in modo che i visitatori e i loro smartphone non possano avvicinarsi troppo all'animale. Il povero Amare, infatti, ama farsi fotografare e poi ammirare le sue foto. Si lascia, quindi, distrarre esageratamente da chi gli si avvicina con lo smartphone e poi gli mostrava sullo schermo foto e video.

LEGGI ANCHE: Il centro di riabilitazione psicologica delle scimmie traumatizzate dal bracconaggio

Ora i visitatori potranno ammirarlo solo da lontano e non più attraverso la parete di vetro che consentiva all'animale di guardare comodamente i telefoni, farsi fotografare e poi vedere i selfie fatti con lui.
"Con gli animali dobbiamo comportarci proprio come con i nostri figli: non possiamo permettere loro di guardare la tv tutto il giorno ma incoraggiarli a uscire e interagire con i loro amici", ha spiegato il direttore dello zoo, Stephen Ross. Tanto più che il povero Amare rischiava di essere "bullizzato" dai compagni per la sua particolare sensibilità a schermi, foto, video. La sua anomala "passione" gli impediva di vivere normalmente la sua fase di crescita e sviluppo nell'età preadulta, quando i maschi gorilla imparano a interagire con i loro compagni, attraverso giochi, lotte e gare. Il pubblico che si reca in visita allo zoo è stato invitato a collaborare per assicurare ad Amare una vita e uno sviluppo equilibrato. Chissà come la prenderà Amare ora che nessuno potrà più fotografarlo.

LEGGI ANCHE: Ozzie, il gorilla più anziano del mondo, è morto a 61 anni

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Uno scatto pericoloso

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli