Governare il futuro. Cari politici state attenti. L’intelligenza artificiale vi osserva

·2 minuto per la lettura

Forse questa è la volta buona che i decisori pubblici tutti converranno sull’opportunità di sospendere il ricorso a soluzioni di riconoscimento facciale intelligente.

In Belgio è in corso un esperimento che sta facendo discutere e che ha trasformato i parlamentari in cavie da laboratorio sulle quali sperimentare un sistema di riconoscimento facciale intelligente.

Sono, purtroppo, anni che in Cina il Governo minaccia di usare e talvolta usa per davvero soluzioni di riconoscimento facciale e emotivo diversamente intelligenti che hanno l’obiettivo di scrutare senza sosta gli studenti in aula a caccia di quelli che si distraggono.

La pratica, naturalmente, non ha mancato di sollevare le proteste degli attivisti dei diritti umani che hanno più volte segnalato l’incompatibilità del ricorso a soluzioni tecnologiche tanto invasive con i diritti fondamentali, la privacy in testa.
E un dibattito analogo c’è stato qui da noi, nei giorni della pandemia – e non si è ancora del tutto sopito – con il ricorso, da parte di molte università, a sistemi di c.d. proctoring più o meno evoluti e più o meno invasivi per sorvegliare che gli studenti non barassero durante le prove di esame.

Normalmente, però, le parole di chi ha sollevato più di una perplessità lato privacy nel ricorso a queste soluzioni sono cadute nel vuoto e riecheggiate come grida di Cassandra.

Questa volta, però, potrebbe essere diverso. Nel corso di un esperimento in corso in Belgio, un artista visivo, ha dato in pasto a un sistema di riconoscimento facciale le dirette dei lavori del Parlamento e chiesto agli algoritmi che lo controllano di identificare, uno per uno, i parlamentari che, durante i lavori del Parlamento, si lasciano distrarre dallo smartphone.

Appena il sistema identifica un parlamentare che anziché seguire i lavori indugia con lo sguardo sullo smartphone, cerchia il vol...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli