Governare il futuro. Non sono i social a dover giudicare il nostro corpo

·Componente del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali
·2 minuto per la lettura
Governare il futuro. Non sono i social a dover giudicare il nostro corpo
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ci sono hashtag che spopolano sui social, Tik Tok e Instagram in testa, che identificano video che, a prescindere dalle intenzioni di chi li pubblica, possono far male.

#bodychecking o #bodypositive sono tra questi.

Un hashtag in cui la parola “body” sia protagonista, poi il video di un utente che in una manciata di secondi mostra il suo corpo, normalmente in intimo o costume da bagno, prima e dopo aver mangiato a confronto per far vedere l’effetto di un piatto di pasta o anche semplicemente di una ricca insalata sulla propria pancia che da completamente piatta diventa appena collinare, talvolta in maniera impercettibile.

Oppure lo stesso hashtag, #bodypositive per esempio, e un’utente – più di frequente si tratta di ragazzine, giovani donne o anche donne sui cinquanta – sempre poco vestito che mostra come a seconda la posizione nella quale ci si siede o ci si pone davanti alla telecamera il nostro corpo risulta più o meno tonico, più o meno rilassato, concedere di più o di meno alla pancetta o, semplicemente, alle rotondità, pronto o meno a superare la prova costume.

E l’elenco di questo filone di video tutto dedicato al corpo, al suo modificarsi a seconda dei momenti e delle circostanze, al nostro piacerci o non piacerci, a trucchi e trucchetti per sembrare più belli è pressoché infinito.

E ciascuno di questi video spopola sui social per immagini, accende commenti infiniti, nei quali, naturalmente, il corpo è egualmente protagonista: più si risponde allo stereotipo fisico ideale più si è plauditi, più ci si allontana, più si mostra qualche imperfezione più si è criticati, talvolta persino con ferocia.

Ma in un caso e nell’altro i contenuti diventano virali e generano emulazione.

A milioni a telecamere accese o a telecamere spente iniziano a guardarsi, a ripetere gli stessi esperimenti, a confrontare il prop...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.