Governare il futuro. Un assistente vocale intelligente mascherato da peluche è una buona idea?

·2 minuto per la lettura

In Inghilterra sono sbarcati poco più di una settimana fa mentre negli Stati Uniti d’America sono in vendita da oltre un anno, sono i nuovi assistenti vocali di casa Amazon pensati, disegnati, progettati per bambini, uno ha la faccia da panda, l’altro da tigrotto.

L’obiettivo dichiarato è quello di farne dei compagni di gioco e di apprendimento dei più piccoli.

Nella sostanza il panda e il tigrotto sono un’edizione speciale dell’ormai celeberrima Alexa, l’assistente vocale della società di Jeff Bezos entrata nelle nostre case e destinata a restarvi a lungo allacciando con noi un rapporto sempre più stretto.

Una volta ci accendeva solo la luce o ci faceva sentire la musica che le chiedevamo, oggi fa la spesa per noi, ordina per noi una pizza, gestisce la nostra agenda, ci sveglia al mattino, ci fa il caffè, sorveglia la nostra casa quando non ci siamo e tanto tanto di più.

E, naturalmente, domani farà ancora di più.

Soprattutto Alexa impara a conoscerci meglio ogni giorno che passa, a conoscere i nostri gusti, a riconoscere la nostra voce, progressivamente impara a prevedere i nostri desideri e le nostre esigenze.

E per chi ha figli piccoli in giro per casa, Alexa, è già diventata una di famiglia alla quale i bambini si rivolgono più o meno come si rivolgerebbero a una persona in carne ed ossa con una naturalezza e spontaneità che noi, naturalmente, non abbiamo e probabilmente non avremo mai.

“Alexa accendi la luce del soggiorno”, “Alexa mi leggi una favola”, “Alexa che verso fa il coccodrillo”.

Alexa inesorabilmente risponde puntuale, mai stanca, mai impegnata in altre attività a differenza di noi genitori umani.

Insomma, intendiamoci bene, Alexa – e non solo Alexa naturalmente perché il discorso non è diverso per gli assistenti vocali di casa Google e casa Apple – è...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli