Governare il futuro. Via da Youtube centinaia di video-denuncia di violazioni dei diritti umani

·1 minuto per la lettura

Un intero canale di un’organizzazione non governativa per la difesa dei diritti umani che pubblicava centinaia di video-denuncia sulla persecuzione del Governo di Pechino in danno della minoranza etnica di fede mussulmana degli uiguri sarebbe stato chiuso da YouTube per violazione della proprie policy.

Il condizionale è una cautela, probabilmente, non necessaria perché la notizia rimbalza dalla Reuters che l’ha verificata attraverso diverse fonti e la stanno battendo, in queste ore, la più parte delle testate internazionali che seguono le cose della Rete.

L’associazione pubblicava centinaia di video di familiari di persone – tutte appartenenti alla minoranza degli uiguri – improvvisamente e misteriosamente scomparse e presumibilmente detenute nei campi di prigionia, che il Governo chiama “centri di formazione professionale”, della provincia Xinjiang.

Nei video i familiari denunciavano la scomparsa, puntavano l’indice contro il Governo e, quindi, mostravano un loro documento di identità per confermare il loro legame di parentela con la persona scomparsa e garantire così l’affidabilità della denuncia.

Nelle ultime settimane, tuttavia, YouTube avrebbe dapprima rimosso alcuni video comunicando all’associazione che gestiva il canale che i video in questione avevano formato oggetto di diverse richieste di rimozione per violazione delle policy della piattaforma contro la pubblicazione di contenuti capaci di promuovere discorsi violenti e, quindi, nei giorni scorsi ha chiuso integralmente il canale in ragione della violazione della policy secondo la quale è vietato pubblicare documenti di identità.

Davanti alle contestazioni dell’associazione che gestiva il canale YouTube avrebbe segnalato la propria disponibilità a valutarne la riapertura a fronte dell’eliminazione delle scene nelle quali sono esibiti i documenti di identità o, almen...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli