Governo, Abete: buon rapporto con l'Ue riduce costi per l'Italia

Ape

Roma, 18 set. (askanews) - Il nuovo governo "giallorosso" si presenta con un atteggiamento positivo verso l'Europa che consentirà di evitare i costi dello spread al sistema-paese, e questa è la principale differenza dal punto di vista economico rispetto all'esecutivo precedente. Lo ha detto Luigi Abete, presidente di BNL Gruppo BNP Paribas, ospite della trasmissione "Dimartedì" diretta da Giovanni Floris su La7.

"Il governo precedente ha fatto delle cose importanti per alcune categorie, pensiamo al reddito di cittadinanza e a quota cento", ha detto Abete sottolineando di non essere d'accordo con il secondo provvedimento, "in cambio, aveva questa contestazione verso l'Europa che ci costava parecchi miliardi in termini economici e in termini di fiducia: allontanava gli investitori indipendentemente dal merito dei provvedimenti".

"Il nuovo governo - ha proseguito il presidente di BNL - si presenta con un approccio di relazione positiva verso l'Europa, il che dovrebbe evitare che ci sia il costo dello spread, e poi sarà misurato dai provvedimenti che farà: credo ci sia spazio per fare alcune cose ma non tantissimo spazio".

"Nell'attuale contesto - ha sintetizzato Abete con una battuta - i governi sono importanti soprattutto per i danni che evitano, più che per le cose che realizzano".