Governo, Bernini (Fi): gioca a guerra e pace, lo spread risale

Pol-Afe

Roma, 19 lug. (askanews) - "Mentre il governo gioca a guerra e pace e lo spread risale, la nuova presidente von der Leyen ha già chiarito che la Commissione europea 'del cambiamento', come l'ha ribattezzata il Movimento 5 Stelle, non farà sconti all'Italia sulla manovra economica d'autunno, confermando che lo spettro del commissariamento c'è ancora, eccome. La prossima Legge di bilancio obbligherà dunque il governo a mettere in campo una maxi manovra restrittiva che si risolverà in una nuova stangata. Se infatti l'aumento di 23 miliardi dell'Iva verrà evitato con il taglio delle tax expenditures, infatti, questo equivarrà comunque a un aumento di tasse. E se davvero la Lega vorrà introdurre la flat tax e i Cinque Stelle il salario minimo, i tagli alla spesa dovrebbero essere di tale portata da mettere a rischio istruzione e sanità. Il ministro Tria lo ha negato, ma senza saper indicare dove saranno reperite coperture e risorse alternative. Invece della prossima rissa, ci aspettiamo risposte convincenti. Che non arriveranno". Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia