Governo: Binetti (Udc), 'Draghi ha puntato su due tris d'assi, uno è al femminile'

·2 minuto per la lettura
Governo: Binetti (Udc), 'Draghi ha puntato su due tris d'assi, uno è al femminile'
Governo: Binetti (Udc), 'Draghi ha puntato su due tris d'assi, uno è al femminile'

Roma, 14 feb. (Adnkronos) – "Tanto si è detto in questi giorni sul fatto che la vera cabina di regia del Governo presieduto da Mario Draghi è formata da un tris d'assi, fatto di tecnici di altissimo profilo, come Franco, Colao e Cingolani. Mef e Innovazione tecnologica e Ambientale. Ma a noi piace anche pensare che ci sia un altro Tris d'Assi, tutto declinato al Femminile come quello rappresentato dalla Bonetti, Stefani e Dadone. Hanno tutte e tre esperienza di governo; provengono da partiti diversi che hanno già provato a collaborare tra di loro". Lo afferma la senatrice Paola Binetti (Udc) in un intervento ad Unicampus aggiungendo che "è da lì che può ripartire una nuova forma di giustizia sociale, che dia maggiore coesione alle famiglie, garantendo ai più giovani le giuste opportunità" senza lasciare indietro nessuno.

"Tocca loro riaffermare una leadership femminile centrata proprio su quel nodo cruciale in cui le parole Pari opportunità non sono prive di senso o di significato". Un nodo che "riguarda la riduzione del gap che ancora oggi separa soggetti diversamente abili da quanti hanno capacità e tendenze omologate ai modelli standard, per valorizzare la differenza e rilanciarla come sfida ad un conformismo comodo e senza anima. Riguarda la differenza tra le generazioni e rilancia un patto intergenerazionale in cui i giovani sappiano e possano trovare il loro ruolo di protagonisti del futuro. Nonostante le donne siano solo un terzo in questo esecutivo, ce ne sono anche altre di primissimo piano con Ministeri importanti come gli Interni e la Giustizia, il Sud e gli affari Regionali".

"A noi – conclude – piace concentraci in modo particolare sulla terna Bonetti, Stefani e Dadone, perchè è da lì che può ripartire una nuova forma di giustizia sociale, che dia maggiore coesione alle famiglie, garantendo ai più giovani le giuste opportunità per rivendicare il loro diritto ad assumersi responsabilità concrete, senza lasciare indietro nessuno, ma proprio nessuno. Per questo serve unità e spirito di collaborazione, ma sembra proprio che il principale monito di Draghi vada in questa direzione".