Governo: Borghi (Pd), 'rafforzare Draghi e integrazione europea per sostenere redditi'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 lug. (Adnkronos) – "La politica il governo e il parlamento si devono concentrare sulle reali esigenze del Paese. Non c'è dubbio che ci siano un insieme di intrecci complessi, molte problematiche dipendono dalle ripercussioni che la vicenda bellica in Ucraina sta avendo sul piano globale. Pensiamo a temi quali l’alimentazione e la frenata complessiva delle subforniture e delle materie prime che si sta abbattendo su un Paese come il nostro che nel corso degli ultimi anni si era abituato a pensare che la Cina fosse la fabbrica del mondo e che le materie prime fossero alimentate nei nostri confronti a prescindere dal quadro geopolitico". E’ quanto dichiarato dal deputato dem Enrico Borghi, componente del Copasir e responsabile Sicurezza del Partito Democratico, questa mattina nel corso della trasmissione Agorà Estate su Raitre.

"E’ per tutti questi aspetti – ha aggiunto – che noi abbiamo bisogno di rafforzare l’esperienza di governo, il lavoro di Mario Draghi e l’integrazione a livello europeo, perché il tema dell’energia non si risolve se non lo si affronta su scala europea. Per questo noi diciamo che le misure di tipo nazionalistico, autarchico, non funzionano, ma occorre avere una voce attenta e forte come quella che il presidente Draghi sa esprime nel Consiglio europeo e nei fori internazionali per andare nella direzione di un’azione molto concreta che vada a sostegno di una politica dei redditi e della lotta alla povertà”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli