Governo, Brunetta: un'altra maggioranza è a portata di mano

Pol/Vep

Roma, 13 feb. (askanews) - "Le legislature finiscono quando non ci sono più maggioranze possibili in Parlamento. Nel nostro regime parlamentare, i governi si formano nelle Camere, coerentemente, anche se non sempre avviene, coi risultati elettorali. Sarò più esplicito: si è fatto il Conte 1 perché si è trovata una maggioranza in Parlamento; si è fatto il Conte 2 perché si è trovata una maggioranza diversa; si potrebbe fare il terzo governo di legislatura se si trovasse un'altra maggioranza ancora. Chi dice il contrario, cioè che dopo il Conte 2 si può solo votare, non conosce la Costituzione. Il Parlamento si scioglie solo se non ci sono più maggioranze possibili". Così Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia, in un'intervista al Dubbio.

"Dico di più. Un'altra maggioranza in Parlamento è a portata di mano e non solo è possibile, ma è anche la più legittima perché vicina al volere espresso dal popolo italiano alle urne. Si parte dal centrodestra unito, si allarga ai tanti ormai fuoriusciti dei 5 Stelle e si allarga ancora a Italia Viva, che in questi mesi ha dimostrato di avere più vicinanza programmatica col centrodestra che con il Pd e il resto della sinistra", sottolinea Brunetta. "Basti pensare solo alle prese di posizione sulla giustizia e la prescrizione. Noi siamo all'opposizione (nel Conte 1 come nel Conte 2) e ci siamo battuti con tutte le nostre forze per cambiare la norma che blocca la prescrizione, che è un abominio incostituzionale e distrugge lo Stato di diritto. Oggi continuiamo la battaglia e rivendichiamo la nostra coerenza, invece qualcuno dovrebbe fare autocritica. Nello specifico, gli amici della Lega che quella legge hanno votato; e la sinistra e il Pd, che quella legge in qualche modo stanno ancora difendendo, pena la caduta del loro governo", conclude.