Governo: Ceccanti (Pd) e Fabbrini (Luiss), 'battere sovranismi con maggioritario' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – (Adnkronos) – Fabbrini, da parte sua, ha spiegato: "Anzitutto il sovranismo è stato fermato, ma non sconfitto, in Italia in particolare. Non potendo proporre ‘Ital-exit’, i sovranisti italiani hanno deciso di fare con l’Ue ciò che stanno facendo con il governo Draghi. Delegittimarli dall’interno. Per questa ragione, occorre denunciare la loro critica parassitaria”.

“In secondo luogo -ha proseguito- abbiamo bisogno di una destra che consideri la partecipazione italiana all’integrazione europea come una scelta costituzionale. Ci si potrà dividere sugli equilibri che potranno crearsi tra Bruxelles e le capitali nazionali, non già sul fatto che ci sia una Bruxelles che faccia cose che le capitali nazionali non possono fare. Quando il sovranismo sarà sconfitto, allora si aprirà una nuova competizione bipolare nel nostro Paese. Per questo è necessario che ci sia un ricambio della leadership della Lega, come è avvenuto nel Pd e nei 5 Stelle e lavorare nel frattempo per stabilizzare regole da democrazia maggioritaria che accompagnino questa evoluzione”

“In terzo luogo al sovranismo non si può opporre un europeismo acritico e difensivo. L’Ue ha fatto un importante salto in avanti con Next Generation-EU, ma non è un passo irreversibile. Ecco perché occorre trasformare NG-EU in un bilancio europeo, indipendente dagli stati, da utilizzare per produrre beni pubblici europei e non solo per contrastare gli shocks economici o sanitari”, ha detto ancora.