Governo, contatti Fdi-alleati su sottosegretari

(Adnkronos) - L'obiettivo di Giorgia Meloni è quello di chiudere il dossier sottosegretari entro la fine di questa settimana. Si è parlato anche di un possibile Consiglio dei ministri, forse in programma nella giornata di domani, ma i tempi rischiano di allungarsi alla luce dei 'desiderata' degli alleati di centrodestra. Una ipotesi che Fdi vorrebbe scongiurare, perché andare alle calende greche rischia di alimentare tensioni e inevitabili stop and go, che rallenterebbero le trattative. Non a caso, oggi si sarebbero intensificati i contatti all'interno della coalizione sulla rotta che va da Via della Scrofa agli uffici di Montecitorio.

Stamattina alla Camera c'è stato un vertice di Fdi per fare il punto della situazione e in giornata - spiegano fonti azzurre - è attesa nella sede del partito meloniano una delegazione di Forza Italia, che porterà la sua 'lista'. Allo stato, raccontano, si sarebbe raggiunto un accordo di massima sui numeri, ovvero le caselle da distribuire tra gli alleati, ma non ancora sui nomi.

Lo scherma di ripartizione degli incarichi dovrebbe ricalcare la regola valsa per il risiko ministeriale: il 50% dei posti del sottogoverno andrà a Fdi, il restante 50% sarà suddiviso tra gli alleati. Non è escluso che il giuramento della squadra dei sottosegretari possa tenersi il 4 novembre. "Sono incorso delle interlocuzioni, il clima è ottimo", si limita a rispondere all'Adnkronos Giovanni Donzelli, responsabile organizzazione di Fdi, che aggiunge: "Come Meloni ha dimostrato nella composizione del governo, si punta a chiudere tutto in tempi rapidi: Meloni - rimarca ancora il fedelissimo della presidente del Consiglio - ha già dimostrato che sarà veloce e che coinvolgerà tutti. C'è dialogo su tutto, non solo sulle caselle da riempire ma anche sui prossimi provvedimenti, che serviranno a dare una mano all'Italia".

Tra i papabili di Fdi Giovanbattista Fazzolari, uomo ombra del presidente del Consiglio, come sottosegretario con delega all'Attuazione del programma di governo; Maurizio Leo, responsabile economico di Fratelli d'Italia, esperto di fisco, come 'vice' di Giancarlo Giorgetti al Mef con delega alle Finanze. Edmondo Cirielli viene dato in pole come viceministro degli Esteri, mentre Andrea Delmastro è favorito come sottosegretario alla Giustizia. La delega ai Servizi segreti dovrebbe essere affidata ad Alfredo Mantovano, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.