Governo Conte bis, nove senatori grillini pronti a tradire

Governo Conte bis M5s traditori

Alle divergenze tra Pd e M5s, che stanno trasformando le trattative per la formazione del governo Conte bis in una corsa a ostacoli, si aggiungono le tensioni interne al Movimento. Tensioni tanto importanti che, secondo quanto dichiarato da esponenti della Lega, sarebbero nove i senatori grillini pronti a a tradire il Movimento e a togliere il sostegno all’esecutivo giallorosso in cambio di una nomina.

Governo Conte bis, i traditori

A diffondere l’indiscrezione è stato Andrea Crippa, vicesegretario della Lega. Proprio tra il Carroccio e i pentastellati “traditori” sarebbe in corso una trattativa che ha come obiettivo la salvaguardia delle poltrone. “Sono nove i senatori del M5s che mi hanno contattato dicendomi che loro e altri parlamentari non vogliono votare la fiducia al governo Conte bis”, ha fatto sapere Crippa. Nel farne un identikit, il vicesegretario rivela che “provengono dal Sud, ma pure dal Centro e dal Nord”. I nove senatori sarebbero “pronti a dire no se gli garantiamo un seggio“. La risposta della Lega non sarebbe però scontata, rivela Crippa: “Valuteremo caso per caso”.

I parlamentari dissidenti sarebbero intenzionati a dare vita a un nuovo partito, dal nome “Liberi Cittadini“, che andrebbe a costituire una sotto-componente del gruppo Misto in Senato.

La risposta del M5s

“Crippa si lancia in annunci fantapolitici“, è la risposta della vicepresidente del Senato Paola Taverna. Il capogruppo Francesco D’Uva ha definito “inquietanti” le parole del vicesegretario leghista e, ribaltando l’accusa, accusa il Carroccio di essere un partito di “traditori seriali. Noi invece siamo e saremo compatti”.