Governo, Conte: a lavoro su riforma fiscale e semplificazione

Afe

Roma, 14 feb. (askanews) - "Rientrato da Gioia Tauro, ora a Palazzo Chigi subito al lavoro insieme alle forze politiche di maggioranza per un nuovo tavolo sull'Agenda2023. Al centro dell'incontro la riforma fiscale e la semplificazione normativa e burocratica". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

  • È deceduto Philippe Monguillot: l'uomo aveva chiesto di rispettare le norme anti covid
    Notizie
    notizie.it

    È deceduto Philippe Monguillot: l'uomo aveva chiesto di rispettare le norme anti covid

    È deceduto all'età di 59 anni l'autista di un autobus a Bayonne aggredito dopo aver chiesto di indossare la mascherina.

  • Ragazzi morti a Terni, Boschini (San Patrignano): "Mai vista una cosa simile"
    Notizie
    Adnkronos

    Ragazzi morti a Terni, Boschini (San Patrignano): "Mai vista una cosa simile"

    "Sono in questo ambiente da 50 anni, ne ho viste di tutti colori, conosco ogni singola storia e comportamento di tossici e persone problematiche, ma mai avevo sentito una simile notizia. Mi ha sconvolto". Così all'Adnkronos Antonio Boschini, responsabile terapeutico della Comunità di San Patrignano, commenta la morte di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi, i due ragazzi di Terni, 16 e 15 anni, ritrovati senza vita dai genitori nelle rispettive camere da letto martedì mattina. Letale potrebbe essere stata una dose di metadone. "Conosco bene quel mondo - prosegue - e sono rimasto senza parole. Non solo per la tragedia delle famiglie, perché penso non ci sia dolore più grande per un genitore di perdere un figlio in quel modo, ma per il dramma in sé. Siamo arrivati al punto che due ragazzini, non tossici, che quasi sicuramente non hanno mai fatto uso di eroina, si siano procurati del metadone e lo abbiano ingerito. Non conoscendo minimamente i rischi che stavano correndo. E' davvero un fatto insolito che deve farci riflettere". Boschini ha voluto poi lanciare l'allarme. "Ci stiamo avvicinando a quello che succede in America da anni, dove si registra una vera 'epidemia' di oppiacei, venduti regolarmente come fossero farmaci per curare mal di testa e dolori ossei. Prima venivano somministrati solo su prescrizione ai malati terminali, ora non è più così. E a questo punto il rischio è che possa succedere in Italia. Conosco tanti ragazzi che mi raccontano di averlo a disposizione e di venderlo. Ma si tratta di tossicodipendenti in cura che lo sostituiscono all'eroina. Non di due ragazzi nemmeno maggiorenni. E' impressionante solo pensarla una cosa simile". Sulle responsabilità dell'accaduto il responsabile terapeutico di San Patrignano non ha dubbi. "Non credo affatto sia colpa dei genitori. Ormai la noia e la moda portano a compiere queste azioni folli. Si esorta all'uso della droga in ogni dove, anche nei testi di alcune canzoni rap. E allora il corto circuito è facile che si inneschi. Messaggi negativi ti portano dal farti una canna a prenderti del metadone quando poco prima stavi giocando a pallone in parrocchia. Se non sei abituato poi vai incontro ad una morte lenta. Come poi è successo a questi giovani ragazzi".

  • Coronavirus, 91 in quarantena dopo un matrimonio nel Padovano
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Coronavirus, 91 in quarantena dopo un matrimonio nel Padovano

    Ben 91 persone sono finite in quarantena per due settimane dopo un matrimonio tra due sposi di origine congolese celebrato lo scorso 27 giugno a Cittadella, in provincia di Padova.

  • Yoko Ono assistita 24 ore su 24 “come se avesse 400 anni”
    Spettacolo
    Yahoo Notizie

    Yoko Ono assistita 24 ore su 24 “come se avesse 400 anni”

    “Yoko Ono ha 87 anni ma vissuti come fossero 400. Come tutti alla sua età è un po’ rallentata nel parlare, ma è acuta come sempre”.

  • Enzo Salvi: "Fa progressi grazie al vostro amore"
    Notizie
    notizie.it

    Enzo Salvi: "Fa progressi grazie al vostro amore"

    Pochi giorni dopo l'aggressione subita, Enzo Salvi ha informato i propri fan che che condizioni del pappagallo Fly sono in netto miglioramento.

  • La cantante sta vivendo una nuova storia d'amore
    Spettacolo
    notizie.it

    La cantante sta vivendo una nuova storia d'amore

    Anna Tatangelo ha un nuovo fidanzato. La vita sentimentale dopo Gigi D'Alessio.

  • Roma, sul fondo del Tevere l'elicottero caduto: mistero sul volo
    Notizie
    Askanews

    Roma, sul fondo del Tevere l'elicottero caduto: mistero sul volo

    Un volo fantasna, nessun avviso, domani operazioni recupero

  • La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?
    Spettacolo
    notizie.it

    La conduttrice di Vieni da Me pronta a cambiare rete?

    Caterina Balivo passa a Mediaset? Ecco la risposta.

  • Allarme Covid, la decisione del Premier Conte
    Notizie
    notizie.it

    Allarme Covid, la decisione del Premier Conte

    Su proposta del premier Giuseppe Conte, lo stato di emergenza potrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2020.

  • Omicidio Fumarola, il padre: "Tradito da qualcuno di cui si fidava"
    Notizie
    Adnkronos

    Omicidio Fumarola, il padre: "Tradito da qualcuno di cui si fidava"

    "Sembra tutto fermo, però non è così". Ad affermarlo in un'intervista rilasciata all'Adnkronos è Alessandro Fumarola, padre di Luigi Fumarola, 25enne scomparso l'11 luglio 2019 da Bisignano, in provincia di Cosenza, e ritrovato privo di vita il 15 agosto. Per la sua morte, a distanza di un anno, non è stato ancora trovato un responsabile. "La Procura di Cosenza sta lavorando, - afferma Alessandro Fumarola - non sappiamo nulla, ma hanno tanti elementi a disposizione, sono anche andati ad indagare all'estero. A giorni dovrebbe essere consegnata la relazione legale sulla dinamica dell'omicidio. Sanno già tutto, devono solo accertare bene i fatti prima di agire. Gli assassini di mio figlio non la faranno franca, proveranno quello che io vivo ogni giorno. Devono pagare tutto".  “Un’idea precisa di quello che sia successo non ce l’ho perché non riesco neanche ad immaginare che possa aver fatto qualcosa di così grave da arrivare ad essere ucciso. Non ce ne sarebbe stato motivo, è assurdo. Era un giovane papà di 25 anni, campione di arti marziali, pieno di vita, senza alcun vizio di droga, quale ‘sgarro’ poteva fare? Di certo è stato venduto, tradito da qualcuno di cui si fidava che lo ha portato a morire. Era una persona socievole, - spiega il papà - tutti lo cercavano e gli volevano bene in paese, dai bambini agli adulti. Mio figlio per me è vivo ed insieme a lui combatterò per avere verità e giustizia”.  “Quella sera – racconta Alessandro Fumarola - è uscito dopo cena, gli amici sono venuti a prenderlo in macchina, sono stati ad un bar dove lui è rimasto per poi andare via con altre persone. In questo lungo anno abbiamo fatto tante ipotesi, però nulla riesce a giustificare un gesto talmente efferato. Forse ha assistito a qualcosa che non doveva vedere, non so cosa pensare, non riusciamo a farcene una ragione. Il suo cadavere è stato trovato a Ferragosto dopo oltre un mese da un mio amico in un bosco tra i rovi, la medium che mia figlia aveva contattato aveva detto che si trovava in zona Mucone, faccia in giù vicino ad acqua e fichi d’india. In effetti era lì”.  Il padre di Luigi Fumarola, ad un anno dalla sua scomparsa ricorda l’omicidio del figlio affermando di confidare nel lavoro della magistratura. “Sul suo corpo – dichiara all’Adnkronos - sono state trovate ferite da arma da fuoco. È stato sparato con un fucile a canne mozze. Quando è sparito era tornato da poche settimane dalla Germania dove da quattro mesi lavorava in un ristorante. Voleva studiare per prendere la patente e ripartire. Sembrava un po’ preoccupato, gli amici dicevano che non lo vedevano solare come al solito, usciva di meno. Con me parlava di tutto, di donne, lavoro, progetti, sogni, andavamo sempre in palestra insieme, si confidava però non mi ha raccontato niente di allarmante”.  “L’ultima volta che l’ho visto era il 7 luglio – ricorda Alessandro Fumarola - ci siamo incontrati in un centro commerciale di Bisignano abbiamo riso e scherzato, poi ho avuto qualche giorno in cui ho lavorato di continuo (mattina, pomeriggio e sera) e non ci siamo mai più visti. Quando è sparito ci siamo allarmati perché aveva lasciato i cani nel cancello della casa di campagna in cui viveva. Non era normale, ogni volta che si spostava mi raccomandava di andare a dargli da mangiare invece non mi aveva detto nulla. Le chiavi dell’appartamento, ancora oggi sotto sequestro, e il suo cellulare non sono mai stati ritrovati”.  “Si pensa che sia stato ucciso in un posto e poi abbandonato nel bosco. Dalle indagini – afferma il papà di Luigi Fumarola - è emerso che il suo telefonino si è spento in contrada Imperatore di Bisignano, zona industriale in cui abitavamo in quel periodo, a circa 5 chilometri di distanza da dove è stato ritrovato. La stessa notte mia moglie mi ha svegliato per dire che aveva appena sentito sparare due colpi di fucile, ma l’ho rassicurata dicendole di stare tranquilla e dormire. Non potevo immaginare cosa stesse succedendo. Voglio conoscere al più presto i motivi alla base dell’uccisione di mio figlio anche se nessuno me lo restituirà. Sto aspettando. A volte penso che sia un sogno e spero di svegliarmi”.

  • Napoli, investe con l'auto 6 persone: morta una 27enne
    Notizie
    Askanews

    Napoli, investe con l'auto 6 persone: morta una 27enne

    Arrestato. In prognosi riservata un'altra incinta che ha partorito

  • Park Won-soon: "Ringrazio tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita”
    Politica
    notizie.it

    Park Won-soon: "Ringrazio tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita”

    Prima di lasciare la propria abitazione Il sindaco di Seul Park Won-soon aveva lasciato un biglietto di scuse.

  • L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna
    Spettacolo
    notizie.it

    L'attore ha svelato i motivi della rottura con la sua compagna

    Massimo Boldi e Irene Fornaciari si sono lasciati. Le parole dell'attore.

  • Tragedia a Marina di Camerota, giovane perde il controllo del mezzo e finisce contro il muretto
    Stile di vita
    notizie.it

    Tragedia a Marina di Camerota, giovane perde il controllo del mezzo e finisce contro il muretto

    Federico Giuliani si è spento a soli 31 anni in seguito ad un incidente stradale.

  • Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile
    Notizie
    Adnkronos

    Milano, fermata banda ladri 'acrobati': tra loro c'è autore omicidio vigile

    La Polizia di Stato, a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dalla squadra mobile della Questura di Milano e coordinata dalla Procura della Repubblica, ha fermato una banda di ladri 'acrobati' di origine rom che depredavano lussuosi appartamenti del centro storico. Tra questi, anche l'uomo che il 12 gennaio 2012 travolse e uccise un'agente della polizia locale. In considerazione della loro mobilità sul territorio e per mettere fine alle loro scorribande criminali, il procuratore aggiunto L. Pedio e il sostituto procuratore F. Crupi, che hanno coordinato le indagini, hanno emesso un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di D.A., nato nel 1994, J.M, nato nel 1997, e N.R, nato nel 1994, tutte persone con numerosi alias e precedenti penali e di polizia. Tutti e tre sono ritenuti responsabili di alcuni furti consumati nel periodo di febbraio e marzo circa all'interno di lussuosi appartamenti nel centro di Milano, grazie ai quali sono riusciti a sottrarre ingenti somme di denaro, gioielli ed effetti personali, dal valore complessivo superiore a 200.000 euro. I furti avvenivano nelle ore notturne quando i rei, sfruttando l'assenza delle vittime, riuscivano a introdursi all'interno degli appartamenti forzando i vari punti di accesso, spesso arrampicandosi lungo le grondaie od attraverso i tetti. Gli indagati sono stati rintracciati presso le loro temporanee dimore, tra cui il campo nomadi di via Fogazzaro n. 9 a Corbetta (Mi). Tra i fermati spicca la figura di N.R., che il 12 gennaio 2012, quando era ancora minorenne, a Milano, piazza Emilio Alfieri, all'interno del parcheggio delle ferrovie nord, alla guida di una Bmw X5, non fermandosi all'alt, aveva travolto e ucciso un agente della polizia locale. Per questo reato, dopo essere fuggito all'estero, è stato poi arrestato e condannato a una pena definitiva di anni 9 mesi 8 di reclusione. Lo scorso febbraio, dopo aver terminato la misura alternativa a cui era sottoposto, ha immediatamente ripreso le attività predatorie, oggetto delle indagini della Squadra mobile milanese e contestate nel decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Milano. Nel corso delle perquisizioni, è stata sequestrata la somma contante complessiva di 8mila euro e un piccolo lingotto in oro, nonché abiti e numerosi gioielli di marca (Rolex, Cartier, Bulgari, Tiffany, Gucci e Versace). A carico degli stessi sono stati sequestrati anche gli indumenti utilizzati durante i furti contestati, a riscontro dell'attività investigative svolta.

  • "Polmonite sconosciuta e letale" in Kazakistan: lo Stato nega
    Notizie
    Yahoo Notizie

    "Polmonite sconosciuta e letale" in Kazakistan: lo Stato nega

    "Il tasso di mortalità di questa malattia è molto più elevato del Coronavirus", a riferirlo l'ambasciata cinese nell'ex Repubblica Sovietica

  • Politica
    AGI

    Un parcheggio inguaia la sindaca di Erice, meta di scienziati e intrighi

    AGI - Un parcheggio rischia di costare la carica al sindaco di Erice, Daniela Toscano Pecorella, sospesa dal prefetto dopo che gli era stato notificato il divieto di dimora nei Comune di Erice e Trapani per calunnia e abuso d'ufficio, quest'ultimo reato commesso in concorso con il fratello Massimo, consigliere comunale di Trapani, destinatario della stessa misura cautelare. Al marito del sindaco, Francesco Paolo Rallo, è stata invece notificata la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.Secondo l'accusa il primo cittadino, in concorso con il fratello e nell'interesse economico di quest'ultimo, abusando della sua funzione, ha esercitato pressioni sugli uffici comunali allo scopo di fare rilasciare le autorizzazioni per l'apertura di un parcheggio, sul lungomare ericino, gestito da una società della quale Massimo Toscano Pecorella è socio occulto.La sospensione della sindaca di Erice è soltanto l'ultimo tassello di un intrigo politico giudiziario scaturito dalle ultime elezioni amministrative del 2017. Un comune spezzato in due, con la sede centrale in vetta e quelle distaccate che arrivano fino al lungomare e le preferenze elettorali sparse un po ovunque. Ad unire i due pezzettini di Erice c'è una funivia, da cui si ammira l'intera città di Trapani, quasi ad accennare la strana idea - in passato piu volte riproposta - di costituire una 'Grande città'. Il borgo è noto per le nobili radici storiche, oltre che per le bontà culinarie come le genovesi ripiene di crema pasticciera e per una settimana all'anno Erice è la meta principale di scienziati provenienti da tutto il mondo, nel centro Ettore Majorana diretto dal professore Antonino Zichichi. In estate è la meta principale per chi è alla ricerca di temperature meno calde, ma nei mesi invernali resta per lo più avvolto dalla nebbia.Una metafora spesso utilizzata a proposito delle informazioni, spifferate nei bar e talvolta finiti sui giornali locali, riguardo una serie di indagini sulla gestione del Comune. La sindaca era stata in giunta nelle due precedenti legislature, quando il sindaco era Giacomo Tranchida, adesso primo cittadino del comune di Trapani. Della vicenda del parcheggio se ne è parlato a lungo sulla stampa locale, tanto che nel febbraio 2019 Tranchida e Toscano tennero una conferenza stampa, in cui, respingevano le accuse e tracciavano l'identikit di chi aveva denunciato i fatti. Tranchida, dopo, fu indagato per diffamazione.Poche settimane prima i carabinieri avevano arrestato per corruzione il vicesindaco Angelo Catalano, che poi patteggiò una condanna a un anno e undici mesi. Ed è sempre dello scorso anno il blitz antimafia Scrigno dei pm della Dda di Palermo e i carabinieri che arrestarono 25 persone, tra cui i boss Francesco e Pietro Virga, Franco Orlando e l'ex deputato regionale del Pd, Paolo Ruggirello, accusato di associazione mafiosa. L'indagine riguardava anche l'ultima campagna elettorale di Erice e nel processo in corso al Tribunale di Trapani oltre a Ruggirello sono imputati un consigliere comunale, Alessandro Manuguerra, e Vito Mannina, padre di Simona, un'altra candidata poi eletta. Un altro filone del processo è in corso davanti al gup di Palermo.Ma nello stesso periodo in cui i magistrati Antimafia e i carabinieri di Trapani indagavano su questi fatti, i colleghi trapanesi con la Squadra Mobile di Trapani facevano altrettanto con un gruppo di criminali locali, che conducevano estorsioni e coordinavano furti, rapine e spedizioni punitive. Mettendosi a disposizione in occasione delle campagne elettorali, gestendo pacchetti di voti da offrire a questo o quel candidato. L'indagine venne praticamente interrotta dagli arresti del blitz Scrigno (5 marzo 2019): i verbali nei mesi scorsi sono stati depositati nel processo in corso a Trapani e diffusi dalla stampa locale. Agli atti anche un'intercettazione tra la sindaca Daniela Toscano e un pluripregiudicato locale, tale Diego Pipitone, che per anni è stato indagato anche dalla Dda di Palermo."La cosa anomala il procuratore aggiunto di Trapani, Maurizio Agnello è che emerge una gestione familistica: la sindaca, il fratello investitore occulto e il marito accusato delle minacce", continua Agnello, riguardo a Massimo Toscano, controllore occulto della società, e al marito Francesco Paolo Rallo, accusato di avere minacciato un altro imprenditore escluso dall'affare del parcheggio. "Il fatto piu grave è il traffico d'influenze illecite, ma per il quale non abbiamo potuto chiedere la misura cautelare, concessa invece per i reati di abuso d'ufficio e calunnia", aggiunge Agnello. "Alle critiche qui si risponde con la querela o con le interviste sui giornali 'amici', quasi mai le tematiche vengono discusse in Consiglio comunale o in giunta. Qui c'è un numero abnorme di querele per diffamazione e calunnia. Tutti gli abitanti della provincia di Trapani - chiosa Agnello - dovrebbero farsi qualche domanda. E' un dato di fatto che qui si perde molto piu tempo a litigare che non ad amministrare. Che la stampa locale sia schieratissima non debbo essere io a dirlo, non mi risulta che negli altri territori sia così".Anche l'indagine odierna è scaturita da una denuncia per calunnia, presentata in procura dalla prima cittadina, in seguito a un'intervista rilasciata da un oppositore ad una testata locale, in cui sollevava dei dubbi sul parcheggio. Il sindaco "sapeva benissimo" che questo 'oppositore politico' "aveva ragione, ma nonostante ciò lo ha incolpato e per questo è indagata per calunnia". In totale sono sette gli indagati, tra cui l'allora capo della polizia municipale Giacomo Catania, oltre che l'imprenditore Giovanni Savi, imprenditore e socio occulto del fratello del sindaco, che invece ottenne l'affidamento del parcheggio.Aggiunge il magistrato: "Abbiamo accertato la permeabilità degli uffici alle sollecitazioni del sindaco, non soltanto erano molto sensibili a queste pressioni, ma dopo essere stati ascoltati dalle forze dell'ordine e dai magistrati, invece di pensare ai loro interessi personali ed evitare un'incriminazione, hanno continuato a cercare di proteggere il sindaco da quello che aveva fatto. Qualcuno ha rifiutato le sollecitazioni pressanti della sindaca, il quale anziché glissare ha sempre detto 'figuratevi se io posso occuparmi di parcheggi'. Gli altri invece erano fedeli ai desiderata della Toscano".Quanto alle elezioni amministrative del 2017, poi vinte da Daniela Toscano, "ci siamo interessati sia noi sia i colleghi della Dda (processo Scrigno), ognuno - conclude l'aggiunto Agnello - lo valuti come meglio crede, ma questo vuol dire che le ultime elezioni hanno visto il coinvolgimento, vedremo fino a che punto lecito, sia di soggetti indiziati di mafia sia di elementi della criminalità comune. Molta gente si è spesa parecchio per quella tornata elettorale".

  • Belen smentisce il tradimento del marito con Alessia
    Spettacolo
    notizie.it

    Belen smentisce il tradimento del marito con Alessia

    Con una recente Storia su Instagram, Belen Rodriguez ha difeso la collega Alessia Marcuzzi dalle accuse di tradimento con il marito Stefano

  • Graziani parla della rottura tra l'ex tronista e il fidanzato: che intenzioni ha il pallavolista?
    Notizie
    DonneMagazine

    Graziani parla della rottura tra l'ex tronista e il fidanzato: che intenzioni ha il pallavolista?

    Alessandro Graziani ha parlato della fine della storia tra Giovanna Abate e Sammy Hassan, facendo una confessione che lascia perplessi.

  • Rosmy presenta il nuovo brano: "Non dimentichiamo l'importanza di donare amore"
    Notizie
    notizie.it

    Rosmy presenta il nuovo brano: "Non dimentichiamo l'importanza di donare amore"

    Nell'intervista esclusiva Rosmy ha presentato il suo nuovo singolo, scritto durante il lockdown: "Non dimentichiamo di donare amore al prossimo".

  • Bologna, nuovo focolaio in azienda di logistica
    Notizie
    Adnkronos

    Bologna, nuovo focolaio in azienda di logistica

    Nuovo focolaio di coronavirus a Bologna. Accade, come riporta l'edizione di 'Bologna' di 'la Repubblica', nella "sede della Tnt di via della Salute" ed è la "stessa azienda a confermarlo a Repubblica: 'All’esito dei tamponi effettuati da parte dell’Asl tra alcuni dei lavoratori, ci sono stati, al momento, riferiti 18 casi di positività al contagio, tutti riguardanti soggetti asintomatici. I test sugli altri lavoratori del sito sono ancora in corso'".  Come riporta il quotidiano, "l’inchiesta epidemiologica del dipartimento di Sanità pubblica – che già a giugno aveva fatto un’ispezione alla Tnt – è iniziata dopo la scoperta di due lavoratori positivi. Tra mercoledì e ieri è partita una campagna di tamponi a tappeto nei confronti di 220 dipendenti. Una maxi azione preventiva sul modello di quello che è stato fatto in zona Roveri o al centro migranti di via Mattei. Oggi si aspettano i risultati ufficiali dell’Ausl". "Tnt-Fedex spiega - prosegue 'la Repubblica' - che 'sono state immediatamente attivate tutte le misure previste dalla normativa di legge e dai protocolli di sicurezza adottati dalla nostra società per la tutela della salute e la limitazione della diffusione del contagio. Sin dall’insorgenza dell’emergenza sanitaria, l’azienda ha sempre operato per tutelare la sicurezza e la salute di tutti i lavoratori'".

  • Caso Bellomo, ex consigliere di Stato torna ai domiciliari
    Politica
    Adnkronos

    Caso Bellomo, ex consigliere di Stato torna ai domiciliari

    Il tribunale del Riesame di Bari ha ripristinato i domiciliari per Francesco Bellomo, ex consigliere di Stato, arrestato il 9 luglio del 2019 con le accuse di maltrattamenti ed estorsione ai danni di una ricercatrice e di tre ex borsiste e allieve che frequentavano corsi post universitari di cui era docente e direttore scientifico nella sua scuola di formazione 'Diritto e Scienza', finalizzati alla partecipazione al concorso in magistratura. Il 29 luglio del 2019, sempre dal riesame, la custodia ai domiciliari venne revocata e trasformata in una misura interdittiva dell'esercizio del ruolo di docente per un anno.  Inoltre il tribunale del riesame aveva riqualificato il reato di estorsione trasformandolo in violenza privata mentre il reato di maltrattamenti venne trasformato in tentata violenza privata e stalking. Il ricorso venne parzialmente accolto. Il 23 gennaio scorso la Corte di Cassazione ha annullato il provvedimento, accogliendo in parte il ricorso della Procura, e lo ha rinviato di nuovo al Riesame (ma a un altro collegio) che ha deciso ieri di ripristinare i domiciliari.  Intanto la Procura della Repubblica il 17 gennaio ha chiesto il rinvio a giudizio di Bellomo. Il nuovo Riesame ha mantenuto la decisione di riqualificare i reati come deciso dal primo Riesame. Secondo l'accusa Bellomo avrebbe costretto le sue ex allieve al rispetto di determinati obblighi, relativi ad esempio all'abbigliamento, e comportamenti a pena di decadenza automatica della borsa di studio. L'ex consigliere di Stato è anche indagato per calunnia e minaccia nei confronti dell’attuale presidente del Consiglio Giuseppe Conte, all’epoca dei fatti vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa, e di Concetta Plantamura.  I due erano in quel periodo rispettivamente presidente e componente della commissione disciplinare chiamata a pronunciarsi su Bellomo quando nel 2017 fu sottoposto a procedimento disciplinare. Poi venne destituito dal Consiglio di Stato. Anche su questo Bellomo dovrà rispondere nel processo.

  • Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"
    Notizie
    notizie.it

    Valeria: "Tra le tue braccia sto bene"

    Nella seconda puntata di Temptation Island si vede Valeria sempre più vicina al tentatore Alessandro. Ecco la reazione di Ciavy