Governo, Delrio: basta rimandare, partiamo da decreti sicurezza

Gal

Roma, 28 gen. (askanews) - "Certo è un bel successo, non si può far finta di nulla. Il messaggio che arriva al governo è che se i problemi non si rimandano ma si risolvono, se c'è buona amministrazione, lavoro e protezione sociale, la gente riacquista fiducia. Il governo deve seguire quella strada e evitare di rimandare". Lo dice Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera all'indomani delle elezioni regionali in un'intervista a La Stampa.

Secondo Delrio il governo adesso "deve tenere presente i bisogni del Paese, che sono sempre più chiari. E non si deve basare su un'agenda tutta romana. Si è fermata la crescita e gli investimenti. E c'è più insicurezza dopo questi decreti di Salvini. Ci sono elementi critici che vanno affrontati con determinazione senza rimandarli. Ai 5 stelle dico: nessuno chiede abiure o pentimenti, ma guardando in faccia i dati, vanno prese in mano queste situazioni. Il sistema degli Sprar è molto utile per la sicurezza e va riattivato e il sistema delle espulsioni va migliorato. E bisogna avere più coraggio su una agenda di lavoro, scuola e lotta all'evasione più forte".

"Non c'è dubbio che le regionali non avrebbero determinato la caduta del governo e nessuno discute che non si è votato per il Parlamento. Ma sarebbe sbagliato non vedere in faccia che alcuni passaggi che abbiamo davanti sono importanti - conclude -: sulla giustizia abbiamo trovato un compromesso, venga ora messo nero su bianco e si proceda con rapidità con la riforma del processo penale. La coalizione deve trovare un nuovo equilibrio. Bisogna togliere dal piatto le cose su cui abbiamo distanze, ma bisogna fare presto e non tirarla lunga".