Governo, Di Maio: Il M5s non esiste più, è partito padronale

featured 1630217
featured 1630217

Caserta, 15 lug. (askanews) – “Sicuramente Draghi è una persona di parola, come abbiamo sempre detto, e nel momento in cui il partito di Conte decide di non votare per la fiducia non c’è più la maggioranza di unità nazionale. Mercoledì si arriverà a questo momento di chiarimento in aula. Non è semplice ricomporre questa maggioranza e servirebbe un atto di maturità. Servirebbe un atto di responsabiolità del M5s, che non c’è più, ora si chiama il partito di Conte. È un partito padronale che ha deciso di anteporre le proprie bandierine alla sicurezza e all’unità nazionale”. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio commentando la crisi di governo da Caserta. “Se da mercoledì andiamo in ordinaria amministrazione non potremo fare quasi più nulla di ciò che serve per superare la crisi economica. Parlo del decreto di 15 miliardi per fermare il caro benzina e il caro bollette. Non abbiamo i poteri per fare la legge di bilancio e andremo in esercizio provvisorio. Lo spred sta salendo. Non abbiamo più il potere negoziale ai tavoli internazionali per ottenere il tetto ai prezzi del gas. È da irresponsabili non capirlo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli