Governo: Draghi debutta in Parlamento, ecco l'intervento in Senato/Adnkronos

·2 minuto per la lettura
Governo: Draghi debutta in Parlamento, ecco l'intervento in Senato/Adnkronos
Governo: Draghi debutta in Parlamento, ecco l'intervento in Senato/Adnkronos

Roma, 17 feb. (Adnkronos) – Tredici cartelle divise in 10 paragrafi: lo stato del Paese un anno dalla pandemia; le priorità per ripartire; oltre la pandemia; parità di genere; il Mezzogiorno; gli investimenti pubblici; Next Generation Eu; obiettivi stragici; le riforme; i rapporti internazionali. Il premier Mario Draghi arriva al Senato alle 10 in punto, muovendo da Palazzo Chigi. Si fa spazio tra i ministri, il sorriso dietro la mascherina. Tutti si aspettano che l'ex numero uno della Bce non sia emozionato, invece lo è e molto. Lui stesso lo ammette in un passaggio del suo intervento, nell'incedere sicuro con cui legge il testo ha un'incertezza sui numeri della pandemia, arriva in suo soccorso il neo ministro allo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Ecco l'intervento del premier a palazzo Madama.

"Il primo pensiero che vorrei condividere, nel chiedere la vostra fiducia, riguarda la nostra responsabilità nazionale – è l'esordio- Il principale dovere cui siamo chiamati, tutti, io per primo come presidente del Consiglio, è di combattere con ogni mezzo la pandemia e di salvaguardare le vite dei nostri concittadini. Una trincea dove combattiamo tutti insieme. Il virus è nemico di tutti. Ed è nel commosso ricordo di chi non c’è più che cresce il nostro impegno. Prima di illustrarvi il mio programma, vorrei rivolgere un altro pensiero, partecipato e solidale, a tutti coloro che soffrono per la crisi economica che la pandemia ha scatenato, a coloro che lavorano nelle attività più colpite o fermate per motivi sanitari. Conosciamo le loro ragioni, siamo consci del loro enorme sacrificio e li ringraziamo. Ci impegniamo a fare di tutto perché possano tornare, nel più breve tempo possibile, nel riconoscimento dei loro diritti, alla normalità delle loro occupazioni. Ci impegniamo a informare i cittadini con sufficiente anticipo, per quanto compatibile con la rapida evoluzione della pandemia, di ogni cambiamento nelle regole".