Governo Draghi, Franceschini: "Onorerò fiducia, cultura sia motore ripresa"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Grazie al Presidente Mattarella e al Presidente Draghi. Cercherò di onorare al meglio la fiducia, lavorando perché la Cultura italiana sia il motore della ripartenza del Paese. Giusta scelta un ministero per il solo Turismo, così colpito dalla crisi. Buon lavoro a Massimo Garavaglia". Così Dario Franceschini in un tweet poco dopo l'annuncio della nuova squadra di governo.

Politico e scrittore, Franceschini è di Ferrara, dove è nato il 19 ottobre 1958. E' stato ministro della Cultura nei governi Renzi e Gentiloni, era il ministro uscente dell'esecutivo Conte. E sarà dunque nella squadra di Draghi nella stessa casella.

Ha ricoperto più volte incarichi di governo: tra il '99 e il 2001 è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri nei governi D'Alema II e Amato II; tra il 2013 e il 2014 è stato ministro per i Rapporti con il Parlamento del governo Letta. In Parlamento, è stato capogruppo dell'Ulivo alla Camera dal 2006 al 2008 e, dal 2009 al 2013, del Partito democratico sempre a Montecitorio. E' stato segretario del Pd nel 2009, dopo le dimissioni di Walter Veltroni. Franceschini ha pubblicato cinque romanzi tra cui 'Nelle vene quell’acqua d’argento' e 'Daccapo' tradotti in Francia. Nel Pd è punto di riferimento della componente Areadem.