Governo Draghi, Leu: "Resti alleanza con Pd e M5S"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Governo Draghi, Leu disponibile all'interlocuzione, ma si riserva di decidere quando il quadro sarà più chiaro mentre auspica che resti l'alleanza con Pd e M5S. "Oggi ci siamo soffermati solo sulla parte del programma. Draghi ci ha detto e noi abbiamo detto che sarà tutto sottoposto a verifica. Ci riserviamo di fare le nostre scelte quando avremo un quadro chiaro", ha infatti spiegato la presidente del Misto del Senato Loredana De Petris di Leu al termine delle consultazioni. "Il nostro auspicio è che le tre forze dell'alleanza", Pd-M5Se Leu, "possano concordare un atteggiamento univoco sul costituendo governo Draghi e ci riserveremo di dare una valutazione complessiva dopo le ulteriori fasi", ha poi detto Federico Fornaro, capogruppo di Leu alla Camera.

"Abbiamo riconfermato al presidente incaricato la nostra disponibilità ad accogliere l'appello del presidente Mattarella e proseguire l'interlocuzione nei modi e nelle forme che riterrà", ha aggiunto. Draghi, ha aggiunto, ha espresso "apprezzamento" e dato una "valutazione positiva sulla gestione della pandemia. L'obiettivo continua a essere quello del primo giorno, precauzione. Su questo c'è stata larga condivisione". E ancora: "Non esistono i governi tecnici, i governi sono tutti politici, devono avere la maggioranza in Parlamento. La scelta del presidente incaricato la valuteremo, però le scelte sono sempre politiche. Nascondersi dietro il paravento del governo tecnico non è la risposta corretta. Vedremo le scelte del presidente incaricato".

"Sulle grandi opere la discussione è stata su questo, le opere vanno giudicate e fatte per capire le ricadute occupazionali e ambientali. Lui ha fatto questo esempio, la valutazione ambientale dell'impatto delle opere mi è sembrata fondamentale per il presidente Draghi", ha aggiunto De Petris.

"Noi abbiamo un dibattito dentro il gruppo di Leu. E' una discussione che c'è in tutte le altre forze politiche, immagino", ha aggiunto De Petris alle domande dei cronisti.