Governo Draghi, Italia Viva dal premier incaricato

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·3 minuto per la lettura

Secondo giro di consultazioni iniziato alle 11 per il premier incaricato Mario Draghi sulla formazione del nuovo governo. Tra gli incontri fissati oggi dall'ex presidente Bce, quelli con Italia Viva, Fratelli d'Italia, Pd e Forza Italia, che nella delegazione vedrà anche la presenza di Silvio Berlusconi.

Primo incontro della mattina con il gruppo 'Per le Autonomie (Svp - Patt, UV)' del Senato. La delegazione di Liberi e Uguali, composta dai capigruppo di Camera e Senato Federico Fornaro e Loredana De Petris, seconda in lista. Poi Italia Viva con Renzi, Bellanova, Boschi.

"E' difficile tenere insieme forze che hanno difeso le scelte del governo con chi a settimane alterne era per chiudere o aprire e lisciava il pelo al negazionismo. Non firmeremo mai il programma di un governo in cui ci sia la flat tax". Lo dice Federico Fornaro di Leu al termine delle consultazioni con il presidente incaricato Mario Draghi. "Le scelte programmatiche non sono variabili indipendenti. La base parlamentare deve essere coesa e deve avere un minimo di omogeneità", ha continuato, aggiungendo: "Nel secondo giro ci aspettiamo" da parte del presidente Draghi "la definizione di un perimetro programmatico e conseguentemente un perimetro politico".

"Credo che nessuna persona onesta non possa non riconoscere che meno male che in questa pandemia c'era il reddito di cittadinanza", ha poi aggiunto Fornaro.

I punti di programma, indicati al presidente incaricato Mario Draghi, "sono degli spartiacque e questo ha immediate conseguenze sul perimetro politico", aggiunge poi Loredana De Petris. "E uno spartiacque è anche l'alleanza Pd-M5S-Leu che è un'alleanza strategica e deve essere una base forte, è un'alleanza che si è consolidata nei programmi in questa esperienza di governo e non può essere dispersa".

"Il disegno programmatico è un disegno che da anche un disegno politico e di incompatibilità. Noi abbiamo appena fatto i decreti Lamorgese e lì è evidente che ci sono sono confini che rendono incompatibili i nostri temi con la presenza di forze come la Lega. E sul tema europeo è nei fatti che è assolutamente impossibile condividere con le forze sovraniste e di destra. Su questo siamo stati molto chiari e credo che al nostra chiarezza è stata apprezzata".

"Di Mes non ne abbiamo parlato, ma la maggioranza sul Salva Stati in Parlamento non c'è"., ha poi sottolineato ai cronisti Fornaro uscendo dalle consultazioni. E la delegazione capeggiata dalla senatrice De Petris per poco non si incrocia con la squadra di Iv guidata da Matteo Renzi. "Per l'amor del cielo - dice sferzante De Petris - non me li fate incontrare, dopo quel che hanno fatto...".

Noi siamo disponibili per un governo europeista, la formula Ursula sarebbe una formula ottima". Lo ha detto la senatrice Julia Unterberger, presidente del Gruppo per le Autonomie (SVP-PATT, UV), dopo le consultazioni con Mario Draghi. Per il gruppo "l'auspicio è quello di formare un governo politico". "Con i governi tecnici - ha aggiunto la senatrice - non abbiamo avuto buone esperienze per i nostri piccoli territori". "Penso che come convinti europeisti non potremmo che dire sì a un governo Draghi".

"In Germania Draghi - ha continuato - ha la fama di essere più tedesco dei tedeschi, con i sud tirolesi non può quindi che avere un feeling particolare". Per Unterberger "è stato un primo incontro molto positivo".

Questo il calendario dettagliato di oggi: si comincia alle ore 11-11.30 con Gruppo Per le autonomie (Svp – Patt, UV) del Senato. Alle 1.45-12.30 Gruppo Liberi e Uguali della Camera e componente Liberi e Uguali del Gruppo Misto del Senato. Alle 12.45-13.45 Gruppi Italia Viva della Camera e Italia Viva-PSI del Senato. Alle 15-16 Gruppi Fratelli d’Italia della Camera e del Senato. Alle 16.15-17.15 Gruppi Partito Democratico della Camera e del Senato. Si chiude alle 17.30-18.30 con i Gruppi Forza Italia - Berlusconi Presidente della Camera e Forza Italia- Berlusconi Presidente - Udc del Senato.