Governo, E.Savino (Fi): Conte super partes? Non accetti Rousseau

Pol/Vlm

Roma, 2 set. (askanews) - "Se Conte non si sente un esponente del M5S ma un premier terzo, super partes rispetto a grillini e dem, allora non si capisce perché dovrebbe attenersi, quale che sia, all'esito della consultazione su Rousseau. Se invece lo accetta, vuol dire che Conte è grillino a prescindere e che tutta la manfrina di questi giorni è davvero e soltanto una questione di poltrone, di una in particolare, ovvero di quella di vicepremier per Di Maio". Lo afferma la deputata di Forza Italia Elvira Savino.

"Dopo la fallimentare esperienza gialloverde che ha portato l'Italia alla crescita zero, - aggiunge Savino - un governo giallorosso sarebbe la pietra tombale per lo sviluppo del Paese, avremmo recessione, disoccupazione e aumento delle tasse. Se l'economia va a pezzi, cerchiamo però almeno di salvare le Istituzioni e la democrazia parlamentare, archiviando per sempre la stortura populista e qualunquista della finta democrazia diretta grillina, diretta da una srl e non certo dal popolo sovrano".