Governo: Fink (Blackrock), 'Draghi riaccenda energia e orgoglio Italia'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 16 apr. (Adnkronos) – "Spero che Mario Draghi possa riaccendere l'orgoglio italiano, l'energia. In Italia avete un ottimo sistema universitario, ma i migliori se ne vanno. Quel che Mario, o qualunque altro politico, deve poter dire è: 'Puoi avere le stesse opportunità in Italia'. Ma c'è un aspetto ancora più importante: cambiare il rapporto tra risparmio e investimento". Lo afferma Larry Fink, ceo di Blackrock, il colosso del risparmio gestito, in un'intervista a Repubblica. "Come si potrà instillare negli italiani e negli europei un ottimismo di lungo periodo? Se lungo un periodo di venti anni gli italiani avessero messo la loro liquidità al lavoro semplicemente investendo nell'indice Dax tedesco avrebbero fatto quattro volte quel che hanno avuto lasciando i soldi a dormire in un conto bancario", sottolinea.

Fink spiega che "Mario Draghi è un amico. Credo che abbia fatto un lavoro fantastico come governatore della Bce. È un leader forte, determinato, un uomo di grande integrità sul piano umano e compassionevole. Qualità importanti per un politico. È un uomo che ha lavorato nel settore privato e ha dedicato la vita al settore pubblico. È rispettato in Europa e nel mondo, è una forza della natura, dunque ha le carte in regola per accelerare i processi di integrazione in Europa". Ma, ha sottolineato il ceo di Blackrock, "non credo che Draghi e l'Italia possano svolgere quel ruolo da soli. Dovrà lavorare con Macron in Francia e poi in autunno, con chi sarà il nuovo leader della Germania. L'Europa la si deve fare insieme".

E sul cambio al vertice in Unicredit Fink dice di conoscere "il nuovo presidente Pier Carlo Padoan da molto tempo e Andrea Orcel da 25 o 30 anni. Auguro loro ogni successo. Ma la relazione è ottima anche con Banca Intesa e con l'intera comunità finanziaria, con Poste Italiane ad esempio. Siamo soddisfatti dell'andamento generale".