Governo, Forza Italia: voto M5s su Rousseau commissaria Quirinale

Tor

Roma, 28 ago. (askanews) - Forza Italia punta il dito contro la possibilità di un incarico di governo a Giuseppe Conte condizionato dal giudizio finale da parte degli iscritti M5s sulla piattaforma Rosseau.

"Dopo che Grillo ha annunciato via blog di aver parlato con Dio, trasformando la crisi da surreale a soprannaturale, per completare questo teatrino dell'assurdo manca solo il commissariamento del Quirinale da parte della piattaforma Rousseau", ha denunciato la capogruppo Fi al Senato Annamaria Bernini. "Ma il Pd - ha aggiunto- è troppo assetato di potere per preoccuparsi dell'abisso in cui sta gettando le istituzioni, e alla fine accetterà anche questo pur di impedire agli italiani di votare per scegliersi".

"È l'ennesima carnevalata - ha detto il portavoce azzurro dei gruppi di Camera e Senato Giorgio Mulè ad Agorà Estate- di questa crisi di governo. Si discute su poltrone e incarichi, su Di Maio che un giorno gioca ai soldatini e vuol andare alla Difesa, un altro a guardie e ladri per prendersi gli Interni... è tutto oltre il ridicolo. Ridicolo come un Presidente del Consiglio che ricopre lo stesso incarico con un partito di maggioranza prima e con uno di opposizione poi. La verità è che sarà penoso vedere la proiezione di questo inciucio 5stelle e Pd anche in chiave regionale: insieme in Umbria dove la giunta Pd è stata rottamata da un'inchiesta giudiziaria o in Emilia dove si uniranno il Partito di Bibbiano e quello anti trivelle. E tutto questo mentre hanno sempre sostenuto argomenti opposti su questioni come Concessioni Autostradali, Grandi Opere, Jobs Act e Decreto dignità. È tutta una pagliacciata che tenta di ridicolizzare l'intelligenza degli italiani".