**Governo: Gribaudo, 'ci sia riunione Direzione Pd prima di nomine 'sottogoverno''**

·2 minuto per la lettura
**Governo: Gribaudo, 'ci sia riunione Direzione Pd prima di nomine 'sottogoverno''**
**Governo: Gribaudo, 'ci sia riunione Direzione Pd prima di nomine 'sottogoverno''**

Roma, 16 feb. (Adnkronos) – “Il dibattito sui ministri del Pd deve uscire dalla dinamica maschi/femmine. Quello di un bilanciamento ‘ormonale’ delle poltrone è un paradigma che non possiamo accettare. Non possiamo accettarlo non solo come donne, ma come comunità politica. E’ qualcosa che dovrebbe stare totalmente fuori dalla nostra cultura". Così la vice capogruppo del Pd alla Camera, Chiara Gribaudo, in un post su Facebook.

"Per questo credo sia giusto chiedere la convocazione di una Direzione Nazionale, prima che vengano scelti vice-ministri e sotto-segretari. Lo chiederò alla Conferenza delle donne dem, ma lo chiedo soprattutto alla segreteria. Nessun democratico, uomo o donna dovrebbe prestarsi al gioco del sottogoverno prima che sia avvenuta in Direzione una discussione aperta e sincera, sul metodo con cui individuiamo i nostri rappresentanti e sul rispetto dei principi fondanti del Pd. Perché sono in gioco tutte le battaglie per la parità di genere che stiamo portando avanti insieme. Ed è in gioco la nostra credibilità su tutti i fronti, per lo scollamento fra ciò che diciamo e ciò che facciamo e che la gente non capisce più”.

“Questo nuovo governo – aggiunge – è il banco di prova della nostra identità organizzativa e politica per questo dobbiamo ridiscutere tutto. Il modo in cui sceglieremo i prossimi incarichi e le priorità che porteremo avanti come Partito, nell’esecutivo e in Parlamento, faranno la differenza agli occhi di quelle cittadine e cittadini rimasti tremendamente delusi da quel che è accaduto con la scelta dei ministri. Parità salariale, congedo di paternità, piano occupazionale per le donne distrutte dalla pandemia. Revisione del Recovery a partire dai fondi per gli asili nido. E un metodo chiaro e condiviso all’insegna della parità vera e delle competenze, per scegliere chi ci guida e ci rappresenta. Non possiamo sbagliare di nuovo”.